STORIOLOGIA HA RAGGIUNTO E SUPERATO I 2 MILIARDI DI VISITE > > >

"nuove generazioni" = "nuove frontiere"
Estensore: Ingegnere Elettronica-Informatica MARCELLO GONZATO (*)
--------------------------------------------------------------------------------------------

SCPI
COMUNICAZIONE DI STRUMENTI IN RETE
Image7.GIF (9022 byte)

UNA SOMMARIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO
VIRLAB (VIrtual Remote LABoratory)

Nella comunicazione degli strumenti di misura, in un sistema automatico, ad esempio dei più svariati dispositivi che la rete Internet può collegare, nasce l' esigenza di definire uno standard di comunicazione, in modo da semplificare i compiti del Server nello smistamento e nell' interpretazione dei comandi che vengono scambiati in rete durante il dialogo dei dispositivi e nella comunicazione tra questi e l' host computer.

Il presente lavoro, dopo aver introdotto il progetto Laboratorio Remoto, si è prefissato l' obbiettivo di risolvere questa difficile problematica, proponendo come unico linguaggio di comunicazione il linguaggio SCPI.

L' idea principale è di definire un' unica routine di gestione dei comandi nel Server che utilizzi come libreria una interfaccia software in grado di tradurre il comando SCPI inviato da un utente, nella specifica sintassi dello strumento destinatario.

Questa interfaccia software è stata realizzata in Visual Basic e denominata Traduttore.

Il modulo Traduttore risolve il problema di conversione sintattica dei comandi ricevuti attraverso un meccanismo di accesso ad un Database contenente le tabelle di traduzione degli strumenti-non -SCPI dialoganti.

Tale soluzione adottata ha il pregio di risultare molto flessibile: se si desidera collegare alla rete un ulteriore strumento di misura, non si dovrà né aggiungere né modificare alcuna riga di codice nel programma del Server ma semplicemente aggiungere nel Database una nuova tabella di traduzione.

Un secondo modulo software, denominato Simulatore (non impiegato dal Server), è stato realizzato con la finalità principale di verificare la corretta traduzione dei comandi rivolti alla strumentazione, e determinare i tempi medi di traduzione delle istruzioni per valutare l' efficienza del modulo Traduttore.
Il tempo medio di traduzione risulta di 10 ms. Il valore temporale determinato sottolinea una prestazione accettabile in questo contesto.

Nell' ultimo capitolo si sono definiti i manuali SCPI di alcuni strumenti, i quali sostituiscono i manuali specifici.
L' utente che desidera inviare messaggi in rete può consultare l' elenco di comandi SCPI descritti.


E’ interessante far osservare che un numero crescente di grandi aziende mondiali stanno scoprendo i grandi vantaggi offerti dalle soluzioni associate all’uso delle strumentazioni virtuali le quali permettono, a differenza degli strumenti tradizionali, una maggiore flessibilità e riutilizzabilità. In questo modo lo sviluppo di strumentazione virtuale consente ad un’azienda, oltre che un aumento della propria professionalità,  la sua presenza stabile e costante in ogni parte del mondo. Quindi  una diminuzione di costi saltando l’acquisto di numerosi strumenti diagnostici. Inoltre è possibile lo sviluppo e la manutenzione degli stessi in modo remoto.
Si pensi ad esempio: un unico Centro posto magari su un isola, che diagnostichi in remoto tutte le auto (o una lavatrice, un computer, una macchina fotografica, un telefonino ecc.) di una data marca sparsi in milioni di esemplari per il mondo intero).

______________________________________________________

( *) AUTORE


INGEGNERE IN ELETTRONICA-INFORMATICA
- Marcello Gonzato
Perito in Telecomunicazioni -1986-'91 -  Ist. Ind. "A. Rossi" - Vicenza
Laurea in Ingegneria Elettronica -Università di Padova - 1998 
Lingue: Inglese (Ottimo - con diverse permanenza in Inghilterra) - Francese (scolastico)

Tesi: SCPI  - Comunicazione virtuale in rete della strumentazione remota (vedi a fondo pagina)
Operatore in  Visual Basic ,  in C ++ ,  e in Java. Esperienze su  computer professionali da 20 anni  (il padre "Francomputer" vende computer dal 1980, la sorella opera su elaboratori industriali IBM da 25 anni) e della rete Internet.
(da 15 anni, Marcello Gonzato è presente su Internet con un sito di oltre 600.000 pagine,
http://cronologia.leonardo.it/
che ha avuto fino ad oggi 850 milioni di visite da tutto il mondo).

Settore di applicazione: prevalentemente lavori di progettazione in grandi aziende di Automazione industriale,
Controllo Automatici,  Informatica,  Elettronica, Biomasse,  Laser industriali o
Biomedicali e di Telecomunicazioni in generale, Satellitare e Terrestre. 

Esperienze: In grandi gruppi industriali in Italia e all'estero
In grandi Banche del territorio nazionale;
In Software House di Tecnologia industriale  in Portogallo e Irlanda
In varie grandi Società di telefonia terrestre e satellitare
Svolge corsi di formazione a operatori di tecnologie industriali in Visual B -C++ e in JAVA,
inoltre si occupa in prima persona della...

PROGETTAZIONE SOFTWARE INDUSTRIALE (contabilità e produzione)
CON INTERVENTI IN SEDE O ESTERNI
E PER LO SVILUPPO-APPLICAZIONI-REALIZZAZIONI

IL FILE DELLA TESI

ATTENZIONE!
( il file
TESI é unico, di 900 K, pari a circa 400 pagine - da leggersi solo in  progressione)

VAI ALLA TESI > >

< < IL CURRICULUM DELL'ING. MARCELLO GONZATO


HOME PAGE STORIOLOGIA