indice QUADRO 22

 

 

I TITOLI DI GIORNALI
DIMENTICATI

CIOE' IL DISASTRO DI OGGI HA UN PRECEDENTE

-----------------------------
---------------
-----

POI A META' PAGINA VEDI IL
" CALMA ...! "
ARRIVA IL VENERABILE MAGO
sta stampando alla BCE e firmando
tanti foglietti di carta
(la chiamano moneta)
con su scritto Euro


La "Dea Europa" (illusoria funzione identitaria)
però non si vede
(é solo in trasparenza)

Dopo i 5 Euro ecco i 10 e i 20, seguiranno i 50,100, 200, 500.
(ma quante volte li stamperanno? di 10 Euro ce ne sono già tre tipi).

Attenzione a quelli precedenti (che avete sotto il materasso) senza firma Draghi
saranno dopo un po' di tempo, dichiarati fuori corso. Occhio al "drago" !!!!

-------

ULTIMISSIME:
Ieri (12-Dic-14) sono andato in banca a prelevare 1000 euro
con gran meraviglia mi sono visto consegnare foglietti da 50 euro
e
da 10 e 20 euro, tutti a firma di Draghi, NUOVI NUOVI
Ma quanti ce ne sono in giro?
Gli organi di informazione avevano dato gran risalto alla stampa dei 10 euro
ma nessuno ci ha informato della gran quantità di 50 e 20 euro. Perché ??
------------------------
-------------------------------------
L'Italia é in crisi? Una prefica ci fa coraggio (eccome!)
da Washington Christine Lagarde,
direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (FMI)
gela l’Italia: “Servono 20 anni per tornare ai livelli pre-crisi” .

(provate a pensare ai nostri figli di 30, 20 e 10 anni, che fino a ieri credevano alle frottole renziane,
che bel futuro hanno davanti. I migliori scapperanno dall'Italia a gambe levate.
(così faranno diminuire i disoccupati in Italia, poi qualcuno dirà che é merito suo)

Per la generazione degli odierni 20/30 enni che resteranno, uomini e donne, fino al 2035, hanno il destino segnato, saranno in crisi permanente effettiva. I maghi delle riforme, gli spin doctor renziani, e lo stesso capo del governo che voleva "rivoltar l' Italia come un calzino", hanno fallito su tutta la linea.
L'Italia (che paga pensioni anche di 90mila euro, e un milione di pensioni-vitalizi a chi non ha mai lavorato) nel 2025-30, avrà oltre 3000 milia
rdi di euro di debiti, che per pagarne gli interessi dovrà varare a getto continuo finanziarie capestro.

questo é lo scenario secondo Lagarde

Ma é possibile che il destino dell'Italia debba essere nelle mani di
questa Christine Lagarde? Economista (senza esserlo !!!) sotto Sarkozy per caso
ed estremamente servile nei confronti di questo presidente francese > > >
Ma chi é questa prefica? (nell'antichità era la donna pagata per piangere ai funerali).
Chi oggi paga per far piangere la Lagarde ?
Sembra quasi che ci goda a prevedere sventure prima alla Grecia e ora all'Italia.

 

La Lagarde è la stessa che ha detto sul Prelievo Forzoso
"Se é giusto il prelievo forzoso? SI !!! "Il prelievo forzoso risponde al principio della responsabilità nazionale,
secondo la quale i cittadini sono responsabili degli obblighi assunti dai propri governi".
Questa è la gravissima argomentazione della Lagarde e del Fmi
.
( invece dei governi, ha omesso di dire "delle proprie (nostre) banche private")
Mensilmente Lagarde ha uno stipendio
Annuo: € 488.230,00
Mensile: € 40.686,00
Settimanale: € 9.765,00
Giornaliero: € 1.953,00
(non male!! )

Ed é esente da ogni imposta e tassa personale o reale, nazionale, regionale o comunale.
Cioè Lagarde non deve pagare un centesimo di tasse sullo stipendio.
( in virtù della Convenzione di Vienna, firmata dall'EU nel 1961 - e a LEI sta benissimo così )

però
Lei é la stessa che in una intervista al Guardian il 25 maggio ha detto, sulla crisi greca,

"per cominciare a darsi una mano da soli,
i greci dovrebbero imparare a pagare le tasse"

Senti chi parla !!!!

ha anche lei il vizio dei nostri politici, parlano bene e razzolano male

---------------------------------------------------------

I TITOLI DI GIORNALI
DIMENTICATI

ANNO 2000-1

"Ecco cosa farò non appena sarò Presidente del Consiglio"
annuncia oggi Berlusconi.


Tre saranno le priorita':
* diminuzione delle tasse ,
* riduzione delle leggi,
* riforme istituzionali.

"in me i cittadini trovano la personificazione del sogno italiano,
la possibilita' di arrivare al successo,
di diventare ricchi"
.

----------------------------------------------

(Nel 2015, l'Italia è precipitata al penultimo posto (al 143 mo) dei governi più inefficienti del mondo )
( vedi a fondo pagina )

 

MA NELL'ANNO 2000,
I SOGNI DI SOPRA RESTANO SOLO SOGNI DI UN PIAZZISTA.

ANZI, POI ....

CON IL 2001 COL NUOVO ("MIRACOLOSO") GOVERNO (DEI SOGNI)
CON LE TANTE PROMESSE CHE IL PAESE SAREBBE CAMBIATO
LA SITUAZIONE ERA GIA' PIUTTOSTO CRITICA

 

NEL FRATTEMPO, NEL 2002
è stato nominato Vice Presidente e Managing Director di Goldman Sachs International (!!?)
MARIO DRAGHI, per guidare le strategie europee dell’istituto dalla sede di Londra e,
dal 2004 al 2005, diventa membro del Comitato esecutivo del gruppo Goldman Sachs. (!!?)
( la famosa banca d'investimenti e azionari fu fondata da Marcus Goldman, un ebreo tedesco immigrato negli Stati Uniti )
Nel gennaio 2006 M. Draghi é nominato Governatore della Banca d'Italia.
(stipendio annuo 1,021 milioni di euro).
(nomina molto criticata, per il fenomeno conosciuto all'interno della Goldman,
come "revolving doors". (Conflitto d'interesse).
Ora M. Draghi ha ottenuto di meglio: guida la BCE e stampa Euro.
------------------------------------------------------

IERI 2001 !!!!!!

... TREMONTI PROMETTEVA CHE IL PAESE SAREBBE CAMBIATO

MA NEL CORSO DI... SOLI DUE ANNI (2002-2003)
INIZIA IL DISASTRO ITALIA
(non dal 2008 !!)

Il Presidente della Confindustria Amato: "L'Euro debole è un problema drammatico
perchè tutti i prezzi delle materie prime sono in dollari. Noi abbiamo bisogno di un euro più forte".
BANKITALIA: "è solo stagnazione".

DOPO 3 ANNI COL NUOVO GOVERNO (2004)
ancora promesse, promesse ...

....ma a fine anno le cose vanno piuttosto male
"è solo una stagnazione"

per altri invece ......

ma non è solo così

(il 2008 deve ancora arrivare!!)

5 ANNI DOPO A FINE GOVERNO BERLUSCONI (aprile 2006)
AGLI SPOT PER LE ELEZIONI 2006 ALTRE GRANDI "PROMESSE" ( BUFALE ) DEL PIAZZISTA

Poi il 7 Aprile in un suo intervento a ''Radio Anch'io'', l presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi,
ipotizza l'eliminazione anche della tassa sui rifiuti. I sindaci (di Dx come di Sx)
già sconvolti per lo spauracchio dell'"abolizione" dell'ICI, si mettono le mani nei capelli.

Concluso nel 2006 il suo Governo, nella trasmissione Matrix del 10 febbraio,
il presidente del Consiglio Berlusconi citando alcune riforme (??!!) attuate (??!!) dal suo governo,
dice ridendo che
"solo Napoleone ha fatto di più". (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!)
Poi il 12 febbraio, durante una cena elettorale di imprenditori ad Ancona
- si corregge:
''Su Napoleone ovviamente scherzavo: io sono il Gesù Cristo (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!) della politica,
una vittima, paziente, sopporto tutto, mi sacrifico per tutti.
Così dovete fare anche voi imprenditori''.

( sacrificio ai Caraibi.... )

"Per le imprese in difficoltà, adotteremo l'idea di un mio amico
che ho incontrato sul suo panfilo nei Caraibi:
per far ritornare la sua azienda ad essere competitiva
ha invitato i dipendenti della sua azienda a lavorare qualche mese senza stipendio.
Gli operai hanno subito risposto con gioia al suo appello".


Così l'amico ha potuto continuare a fare le vacanze ai Caraibi sul panfilo,
e ad incontrare il suo amico Sivio.
Mentre i suoi operai nelle sue fabbriche lavoravano gratis con..... "gioia" !!

( Questa sarebbe l'idea di una delle sue "napoleoniche" (riforme !!!! ) o "miracoli di "Gesù".

POI ....

NEL 2006 VINCE IL CENTROSINISTRA,
EREDITA LA CRISI PRODI.
LA SITUAZIONE E' ORMAI AVVITATA E PEGGIORA.
FINO AL PUNTO CHE - DOPO APPENA DUE ANNI
SIAMO AL PUNTO DI PARTENZA
E IL GOVERNO PRODI LO MANDANO A CASA
( CON UN VOTO COMPRATO )

-------------------
----------------------------------

LA CRISI ?
le correnti di pensiero sono diverse, anche nella stessa Confindustria

Il "super euro" o il "calo euro" ,
che sia alto o basso è sempre un "problema".... drammatico


Titoli giornali anno 2004: Euro "forte" con il dollaro a 1.36:



"L'euro FORTE è un problema drammatico".
Perché "Tutte le esportazioni sono in Euro, e noi abbiamo bisogno
di
un euro più debole".

_______________

Titoli di ieri, anno 2002, inizio dell'Euro: (debole) con il dollaro a 0,84

Il Presidente della Confindustria Amato:
"L'Euro DEBOLE è un problema drammatico

perchè "tutti i prezzi delle materie prime importate sono in Dollari. E noi abbiamo bisogno
di
un euro più forte".

L'Euro forte è poi arrivato, (sfioriamo l'1,60)
ma è sempre un problema!!

NON ABBIAMO CAPITO !!
Ci dicono - "crisi a causa dell'aumento del costo del petrolio".
Nel 2002 Il Presidente della Conf. Amato: diceva sopra "L'Euro debole è un problema drammatico
perchè tutti i prezzi delle materie prime (in primis il petrolio) sono in dollari.
Ma è proprio così ? Qualcosa non quadra !!
Nel 2002 costava 28 $ a barile che quindi al cambio erano 33, 32 euro ( 64.512 ex lire )
Nel 2004 (31 dic.) costa 40,46 $ a barile che al cambio sono 29,72 euro (57.574 ex lire)
La "favola" dell'aumento del costo del petrolio dove sta? Semmai lo paghiamo meno !
Non seguitiamo a pagare il petrolio in dollari?
I dollari per barile sono tanti ma solo perchè il dollaro è vistosamente calato !!!
(basta la semplice aritmetica e non la oscura matematica finanziaria per capirlo!! O i trucchetti della serva.)

E' un trucchetto gia fatto da Berlusconi quando inviò in tutte le case
il curriculum del suo governo e della sua radiosa era berlusconiana:
riportava in dollari (non in lire) i salari,
che così (che furbo) figuravano che erano aumentati.

---------


OCCUPAZIONE IN ITALIA NEL 2004

Quanto all'occupazione in Italia l'indagine condotta dal Centro Studi di Unioncamere Veneto,
nella regione più ricca d'Italia, ha offerto uno situazione sconfortante "epocale".
Nel 2004 sono state concesse 12 milioni di ore di cassa integrazione (+ 29,3 rispetto al 2003) in quasi tutti i settori.
Il 71 % in più rispetto al 2003 nei servizi e commercio; il 68 % nei Trasporti e comunicazione; il 140 % nel settore tessile.
(Corriere del Veneto (del Corsera) del 27 febbraio 2005).

----------------------------------

Problema CINA
Ci si straccia le vesti e ora anche le scarpe, e alcuni propongono singolari soluzioni ....

Ma in Cina c'è ressa di aziende italiane per mettere su fabbriche, ma non solo per il grande mercato cinese, ma per produrre a basso costo e poi importare in Italia quelle stesse merci (sostituirsi ai cinesi insomma).
A fine anno tutti avranno visto l'accorato appello dei calzaturieri che dal 1° gennaio 2005, temono l'invasione di scarpe sul mercato italiano, e dicono: "loro non possono puntare sulla qualità e sull'innovazione, loro non hanno i nostri stilisti, loro non hanno i nostri tecnici specializzati, loro non hanno le nostre griffe".
E aggiungono: "La Cina sta copiando qualunque cosa le capiti a tiro, spesso senza rispettare le regole e con costi di manodopera molto bassi" (ma ne approfittano grande industrie italiane o la grande distribuzione; e sono poi loro a far arrivare in Italia prodotti "cinesi" (anche con la griffa che desideri (vedi perfino le magliette Ferrari"), e sempre a basso costo).

(a parte quest'ultimo aspetto, si dimentica che la moneta cinese è legata al basso dollaro e i cinesi non intendono lasciare la divisa americana per molti anni ancora; a loro viene comodo per l'esportazione in tutta l'area del dollaro).

Lette le lamentele sopra, poi si scopre che un imprenditore della scarpa griffata e altre sette firme prestigiose, non solo stanno andando a produrre in Cina ma "...stiamo organizzando la formazione in Italia di tecnici cinesi presso il Politecnico Calzaturiero di Stra, in collaborazione con il "Fascion Institute" dell'Ateneo di Sciangai".
(Fonte: una promettente stilista cinese, carissima amica, l'ho ospitata a casa mia).

Giugiaro lo stilista-auto, è in Cina a insegnare lo "stile" alla auto cinesi. (Per il prossimo 2005 o nel 2006 arriveranno dalla Cina auto dal costo di 5-6.000 euro, e moto come la Dawindson a 1000-2000 euro)
Un'azienda di Varese, ha inviato in Cina un nugolo di stilisti e tecnici per fare i campionari con i loro tessuti

Dopo le macchine, si offrono e si forniscono alla Cina anche tecnici e stilisti. Di qui a poco questi ultimi in Cina ci metteranno poi solo le loro griffe; e già pensano di scrivere nei capi "Think in Italy" ("pensato in Italia") e non mettendo il solito "Made in Italy". Anzi qualcuno per levarsi anche questo disturbo lo sta facendo scrivere alla Cina stessa.
Tre famose aziende di occhiali del bellunese, hanno trovato il modo di arricchirsi. Fanno fabbricare gli occhiali in Cina perfino dotati di certificati UE, li pagano 2 euro, e li vendono sul mercato italiano a 40 euro.

Perchè poi lamentarsi ? E perchè poi denigrare i prodotti cinesi ? Quando i prodotti venivano da Honk Kong (prodotti a bassi salari da una miriade di industrie capitalistiche occidentali) nessuno faceva crociate di dazi e s'indignava per i bassi salari.
Quanta ipocrisia ! E quante poche idee !
Inoltre l'Italia dimentica che è, verso la Cina, il primo esportatore di macchine per il tessile e per il calzaturiero. Abbiano noi (!!) invaso la Cina con le nostre macchine. E i cinesi che cosa ci dovrebbero fare con queste macchine? Ci fanno il tessile e le scarpe! Lo fanno innanzitutto per i loro 1.300.000.000 di abitanti, e quello in più lo mandano all'estero. Come faceva l'Italia con le auto e gli elettrodomestici negli anni '60 e '70 invadendo i mercati francesi e tedeschi, dopo aver fatto fare non una o due ma sette otto svalutazioni della lira, per competere con le loro industrie. (lo abbiamo dimenticato? allora lo ricordiamo qui)



Per ultimo, una squadra di calcio italiana, sta ospitando atleti cinesi per insegnargli a giocare a calcio; cioè non sono venuti i cinesi a copiarci, ma abbiamo invitato i cinesi in Italia a copiarci. Magari poi ci stracceremo le vesti se vinceranno un campionato del mondo (e diremo anche qui, che "i cinesi ci copiano!").

Nella sbuffante "locomotiva" Cinese, è inutile agitarsi, saranno in pochi a salirci sopra.
Il miglior finanziatore degli Usa oggi è la Cina, sono i cinesi a finanziare il deficit americano, perchè gli americani spendono di più di quanto producono; sono i cinesi che consentono agli americani di pagare meno tasse senza ridurre le spese; sono i cinesi i più grossi acquirenti di titoli di Stato del Tesoro americano (711 miliardi di dollari).

Gli strateghi della "Banca del Popolo" si stanno dimostrando più accorti di tanti guru delle Banche occidentali. Del resto non dimentichiamo che sono stati loro (nel X sec,) a inventare i "soldi volanti" (la "carta" moneta e certificati di scambio, in "carta"), mentre l'Europa li copiò solo nel 1660).
Da decenni volevamo che la Cina si aprisse al "libero scambio".
Ecco fatto!! Si sono aperti !!!

Il deficit commerciale Usa ha chiuso il 2003 con un record negativo 42,5 miliardi di dollari, cosicchè il disavanzo ha raggiunto l'ammontare record di 489,4 miliardi di dollari - non si hanno notizie per il 2004 ma è già scontato che sarà un nuovo record.
(ultime notizie diramate dai comunicati Ansa il 10 febberio 2005: la cifra ha cifra ha raggiunto i 617,7 miliardi di dollari, nuovo record assoluto, con una crescita del 24% rispetto al 2003.
Un quarto del deficit e' imputabile all' interscambio con la Cina).

Ci sono quindi tre motivi per cui 1.300.000.000 di cinesi continueranno per molti anni a finanziare il deficit americano: il primo, per motivi economici seguiteranno ad acquistare titoli Usa ( ne acquistano alcune decine di miliardi ogni mese) per non rafforzare lo yuan, altrimenti (vedi Euro) i loro prodotti perderebbero la competitività in tutto il mondo); il secondo:
non vi rinunciano per motivi politici, perchè significa mantenere nei confronti di Washington un forte potere contrattuale che prima o poi ai cinesi verrà utile; terzo motivo: il sistema finanziario cinese (nato negli ultimi anni) è fragile fragile come le porcellane cinesi, e accumulare riserve in dollari costituisce un'assicurazione contro i rischi di una crisi finanziaria; avere nelle tasche un fiume di dollari è la migliore garanzia. Ma non li tengono solo in tasca: li investono in America acquistando industrie o assumendo il controllo di alcune società; perfino quelle petrolifere, come la californiana Unocal.
Con malizia e sarcasmo Krugman insinua che acquistare una grande società petrolifera americana si spende molto meno, in termini di vite umane e di denaro, che non "occupare con le armi" un Paese produttore di petrolio. (leggi Iraq)
Ultima considerazione: se va in crisi la Cina, va in crisi anche l'America, e se va in crisi l'America, va in crisi anche l'Europa, e prima di tutte l'Italia isole e isolette comprese.
Forse la Cina a tempi brevi farà una "mossa", con lo yuan, ma anche se fosse non accadrà nulla, perchè sembra proprio difficile che i due Paesi - Usa e Cina - si danneggino a vicenda, non conviene ad entrambi. Quanto agli altri .....non contano nulla.

Le cifre della Cina all' ottobre 2004:
Produzione industriale + 17 % rispetto al 2003
Investimenti fissi + 27,7, rispetto al 2003
Investimenti esteri in dollari: + 21 % (valore 48.700.000.000 di $)
Import: + 35,3 %
Export: + 38,2 %
(notare l'alto tasso export-import quasi pari - significa una cosa: che esporta molti prodotti di consumo ma importa anche molte tecnologie, componenti, materie prime, semilavorati, attrezzature e macchinari (poca cosa dall'Italia, che ultimamente importa dalla Cina anche le mele e il vino per bilanciare l'eportazione di qualche macchinario e qualche decina di Ferrari per il "popolo").

Popolazione 1.310.000.000 (22 volte l'Italia)
giovani da 0 a 15 anni 350.000.000 (italia 8.000.000 - 44 volte)
superficie 9.326.410 kmq (31 volte l'Italia)

Sono cifre da capogiro.
_________________________________________

ULTIMISSIME

A Padova una famosa Associazione Artigiani, alla consueta festa della categoria,
hanno omaggiato gli intervenuti, con dei "cadò"....
ERANO TUTTI FABBRICATI IN CINA !!!

( un aiuto alle imprese della Cina )

------------------------
altra situazione molto recente
sull'istruzione

Il cinese è nel mercato dei laureati.
Il governo nel 2012 ha deciso di investire 250 miliardi l'anno (!!!) per "produrre" 195 milioni di ingegneri, informatici e manager entro il decennio.

Produrre non più solo magliette, giocattoli e vetture, ma laureati:

Un esercito. Competitivo, agguerrito, voglioso di entrare nel mondo delle industrie e delle multinazionali del Nord America e dell'Europa.
Oggi in Cina ci sono otto milioni di laureati l'anno
e tre ragazzi su cinque ottengono un diploma delle superiori. Rispetto al '96, un progresso enorme: i diplomati erano solo 1 su 6. (come ancora oggi in Italia)

--------------------------------------------------------

Proseguiamo in Italia

CON LE NUOVE ELEZIONI 2008

DA DX COME DA SX NON CI RESTA CHE SPERARE NELLE TANTE PROMESSE POPULISTICHE
"Qualsiasi bugia, se ripetuta frequentemente, si trasformerà gradualmente in verità"
"La propaganda è come l'arte, non ha bisogno di rispettare la verità" ( Goebbels )

E QUI NEGLI SPOT ELETTORALI LE BUGIE SONO TANTE

ALLE ELEZIONI DEL 13-14 APRILE 2008
VINCE LA DESTRA (PDL)

TREMONTI, nuovamente ministro Economia-Finanze
ha ripromesso le stesse cose del 2001
(già viste sopra)

Nel febbraio 2009 da Santoro lui è uscito con queste frasi:
"''che consumi se non arrivi a fine mese?'' in netta contraddizione col suo "Gesù" che va dicendo in TV:
"
... LA CRISI? UNA MODA PASSEGGERA.....NOI SIAMO UNA ECONOMIA FORTE...
I RISTORANTI SONO PIENI...I POSTI DELLE VACANZE IPERPRENOTATI.....
"

Poi Tremonti sempre da Santoro ha sgomentato:
"Le formulette matematiche non servono
per risolvere la crisi qui bisogna riscoprire la Bibbia.''

CAPITO??
imprese in crisi, disoccupati, pensionati, call centeristi
Pregate, pregate, pregate e riscoprite la Bibbia.

---------------------------

La Crisi
secondo Berlusconi


anni prima, in terza persona, diceva.......
"La ripresa dell'Italia si chiama Silvio Berlusconi".
(da...La Repubblica 04/02/1995)

"Io sono semplicemente un imprenditore che fa miracoli.
(da ... Corriere della Sera 06/10/1995)

"Voi dovete diventare dei missionari,
anzi degli apostoli, vi spiegherò il Vangelo di Forza Italia,
il Vangelo secondo Silvio.

(da... Il Messaggero 04/04/1995)

"Nella mia vita ho già compiuto tre miracoli.
Da costruttore, da sportivo, da editore...
Adesso, tutti insieme, dobbiamo fare il nuovo miracolo italiano.
(da...La Repubblica 31/03/1994)

"Chi è scelto dalla gente è come unto dal Signore.
(da... La Repubblica 27/11/1994)

"Se, come io sono certo, Prodi cade (e ricordate che non sbaglio mai le previsioni), e se non ci saranno nuove elezioni, si aprono nuovi capitoli.
(da.... Corriere della Sera 04/12/1996)
Farà di tutto per farlo cadere....

 

Per Prodi
"Serve un uomo di coraggio
che dia a Prodi il colpo di grazia. ma non c' é"
(zitto zitto se lo comprerà)

"mi sono rotto, non farò più il premier"

------------------------------------------

poi....così commenta la crisi

"La crisi non è così grave" (20/01/2009)

"La crisi non è così tragica,
sono i media che esagerano"
(07/03/2009)

"La crisi è solo psicologica" (03/05/2009)

"Crisi di qua, crisi di là, dovremmo chiudere la bocca
a tutti questi signori che parlano di crisi"
(Giugno 2009)

"La crisi è ormai alle spalle" (08/07/2009)

"La crisi è alle spalle, è iniziata la risalita, ma è lenta" (11/03/2010)

"Crisi? Segni inducono all'ottimismo" (19/05/2010)

"Sulla crisi sono ottimista" (23/05/2010)

"Crisi superata grazie a scelte giuste del governo" (29/09/2010)
( !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! )

"Non è un momento facile, bisogna fare dei sacrifici" (12/07/2011)

"Il nostro cuore gronda sangue" (12/08/2011)

poi...solo un mese dopo....

"I ristoranti sono pieni, non credo che voi vi accorgiate andando a vivere in Italia
che l'Italia senta un qualche cosa che possa assomigliare a una forte crisi, non mi sembra" (04/11/2011)
---------------------

(Nel 2015, l'Italia è precipitata al penultimo posto (al 143 mo) dei governi più inefficienti del mondo )
( vedi a fondo pagina )

---------------------

ANNO 2014 - 1° Anno di Avvento del "figlio di dio"

... vi lascio in buone mani, mani che alzo al cielo,
io con lui (ancora ad Arcore) ho fatto un bel patto: quello del Nazareno.
Guardate qui com'è contento !!!

(E' stato l'apostolo Matteo, nel suo Vangelo a dare a "Gesù" impropriamente il titolo di "Nazareno")

"vi spiegherò il Vangelo di Forza Italia, il Vangelo secondo Silvio.
(da... Il Messaggero 04/04/1995)

----------------------

Invito alla preghiera

--------------------------

------------------------------------------------------

L'ultimo Bollettino della Banca d'Italia descrive un quadro da "economia di guerra". La crisi globale "si è intensificata ed estesa". Nel 2008 il Prodotto lordo decresce dello 0,5%. La produzione industriale, crollata del 6% nell'ultimo trimestre, scende del 4% in media d'anno: "uno dei peggiori risultati del secondo dopoguerra", con un calo "simile alla crisi del 1974/1975".
Arretrano le esportazioni (meno 1,6% nel terzo trimestre). Flettono gli investimenti delle imprese (meno 2%). Cedono i consumi delle famiglie (meno 0,7%). Al netto dell'inflazione, "il reddito disponibile reale si è ridotto". Peggiora la competitività del sistema (il costo del lavoro per unità di prodotto aumenta del 5,4%). Su queste basi, le previsioni per il 2009 sono "fortemente peggiorate": la recessione si accentuerà, e la crescita subirà una caduta del 2%.
Uno scenario di emergenza assoluta.
Nonostante tutto questo, Tremonti considera le stime dell'Ufficio studi di Via Nazionale semplici.....
" stime catastrofiche. Sono solo congetture". (è il Negazionismo di un "fiscalista"?)
Eppure, nel suo libro "La paura e la speranza", scrive testualmente il contrario:
"È finita l'età dell'oro, sta arrivando un tempo di ferro"
.
(!!! Realismo di un "economista" ?)
Qual è la verità?


Gli italiani - nel loro quotidiano - ne conoscono una sola.
Recessione e crisi in ogni settore.
In più siamo i più indebitati: 1670 miliardi di euro (ottobre 2008)
di Debito Pubblico. 27.883 per ogni italiano, lattanti compresi.
(nel giugno 2013 si è arrivati a 2.075.100 - 405 miliardi in più)
(nel 2015 superati i 2.200.000)

(Nel 2015, l'Italia è precipitata al penultimo posto (al 143 mo) dei governi più inefficienti del mondo )
( vedi a fondo pagina )


Tremonti a fine febbraio 2009, rinsavisce, sembra un po' più realista, o fa il Frate Indovino.
«Il 2009 sarà un anno ancora più difficile del 2008. Il che è tutto dire».
Noi ce ne eravamo già accorti senza essere ministro dell'economia!!

E alla faccia dell'ottimismo berlusconiano, aggiunge:
«Il rischio più grande è la stretta creditizia».
"Il mercato del credito italiano e' in una condizione peggiore rispetto al resto d'Europa".
«Il credito per l'economia è come l'aria: ti accorgi quanto è importante quando viene a mancare»
«Le banche sono utili solo se fanno le banche, non se il loro operato resta fine a se stesso»,
Ma và!? Ma che scoperta!!! C'è arrivato anche lui, allora è tutto vero! La crisi c'è per davvero, la vede ora anche lui!

Noi ce ne siamo accorti da un pezzo. Dove abito io (un paese alle porte di Vicenza, di 2000 abitanti) sono in crisi due grosse fabbriche che davano lavoro a una buona metà del paese, una che lavora per l'alta moda, l'altra una fabbrica di macchine agricole, poi un grande magazzino di idro-sanitari; le case che hanno costruite due anni fa sono invendute, e perfino un negozio di alimentari (l'unico che c'era in paese) ha chiuso. Mentre le due banche in paese hanno già ridotto gli affidamenti (un incentivo al futuro strozzinaggio dei boss della mafia).
Vuoi vedere che Tremonti a fine anno ci dirà che il 2010 sarà ancora più difficile del 2009?
Facile prevedere gli eventi dopo che essi sono avvenuti. Pressoché è infallibile nel prevedere il passato.
Lui ha dovuto studiare molto per capire come siamo messi.....Noi analfabeti da soli non ci saremmo mai arrivati!

Ma gli oracoli non avevano previsto tutto? Ma non eravamo messi meglio di altri? Ma il nostro sistema bancario non era solido? Ma non dovevamo spendere? A Novembre 2008 ci dicevano di comperare azioni di Enel ed Eni, a Dicembre di spendere, spendere, spendere, e di essere allegri e ottimisti.
Fino a ieri si faceva peccato a parlare di crisi, di banche che non fanno le banche, e di soffocamento delle piccole e medie imprese. E ora? Lo dice anche Tremonti.

Coraggio, dobbiamo essere tutti più tranquilli, con l'ottimismo taumaturgico di Capezzone portavoce berlusconista che dice "l'Italia puo' farcela, grazie alla saggezza delle famiglie e delle imprese, e grazie alla solidita' dell'azione del governo" ( !!!!! ).

E' come dire "che se metti TU l'acqua in una pentola e poi sul fuoco, l'acqua TI diventa calda". E' questa un' "azione del Governo"?.

Insomma andiamo avanti alla carlona. Con gli spot mediatici. Alla "capezzone".
Previsioni? Fra dieci anni andremo a passeggiare sull'inutile ponte dello stretto di Messina. Fra venti anni ammirermo le inutili centrali nucleari. Viaggeranno sulla TAV solo i 10/15 milioni di extracomunitari e comunitari d'accatto (e ci manca ancora che sbarcano i Turchi (sono oltre 70 milioni di abitanti) e l'Italia diventerà una "riserva" degli italiani, come gli indiani d'America.
E Dio ci salvi dalla Nigeria. Sono già 200.000.000 di abitanti. Nascono 5 milioni di bambini in un anno, quanto in Italia in 10 anni. (a fine secolo la Nigeria avrà 800 milioni di abitanti)

Ci ribelleremo? Ma chi? di giovani non ce ne saranno, E per quei pochi amplieranno le carceri per metterci dentro i dissidenti del governo; le cassandre le confineranno nelle isole; il bio-testamento e l'eutanasia sarà molto utile e forse verrà incoraggiata per chi arriverà non a fine mese, ma pur sfamandosi con la Caritas, nemmeno alla seconda settimana.
Va bene l'ottimismo, ma affidarsi solo alla provvidenza e alla Bibbia è un po' poco. Eppoi se dobbiamo affidarci solo alla provvidenza allora che cosa ci stanno a fare i politici, soprattutto quelli che dicono di essere "economisti" e poi fanno i "profeti biblici".

----------------------------

NELLA SITUAZIONE DI OGGI, PER CHIUNQUE, A DX COME A SX, NON SARA' PROPRIO FACILE CORREGGERE LA ROTTA,
SALVO RICORRERE A PROVVEDIMENTI DURI E IMPOPOLARI.

o saranno duri i "POPOLARI"?

Ricordiamoci che
"il popolo anche irrazionalmente certe volte fa quello che vuole"

"Chi crede di poter trattare gli esseri umani come le formiche, non solo non conosce gli umani ma nemmeno conosce le formiche".

IL MOMENTO NEL PAESE E' TALMENTE GRAVE
CHE E' NECESSARIO VENGANO PRESE DECISIONI RAPIDISSIME.

I politici ci si sono arricchiti, e anno dopo anno hanno ipotecato un popolo.
(
nel giugno 2013 si è arrivati a 2.075.100 - 405 miliardi in più del 2008)
Loro girano con 10 uomini di scorta, con "la legge non è uguale per tutti" mentre l'indebitata gente (i "cittadini") non è più sicura nè in casa nè fuori.
Vedi, violenze, stupri, rapine in ville, omicidi, sopraffazione, fatta da gente senza un lavoro, senza un reddito, nella più completa povertà, indigenza. Un operaio l'hanno arrestato in un supermercato perchè si era messo in tasca 4 mele e 5-6 noci per sfamarsi.
(se avesse avuto la immunità politica poteva anche fregarsi l'intero supermercato)

Ma questi politici dove vivono e come vivono? Risposta: nella indifferenza, nel menefreghismo, nella demagogia. Loro oltre un lauto stipendio e pensioni d'oro, hanno la scorta e vivono tutti a spese nostre. blindati (si vede che hanno proprio paura del "popolo sovrano" ?)
E' inutile aspettare che i "parassiti" si suicidano per il bene del Paese, perdete ogni speranza, non lo faranno mai! -
Italiani (se ce ne saranno ancora) Auguri !!

------------------

SIAMO ARRIVATI AL 2011 !!

L'ULTIMA PERLA DELL'OTTIMISMO: (5 MAGGIO 2011) !!!!
( " l’elogio della ricchezza italica....)


(... LA CRISI? UNA MODA PASSEGGERA.....NOI SIAMO UNA ECONOMIA FORTE... I RISTORANTI SONO PIENI...I POSTI DELLE VACANZE IPERPRENOTATI.....NON SEMBRA CHE IN ITALIA CI SIA QUALCOSA CHE POSSA ASSOMIGLIARE A UNA FORTE CRISI .... I CONSUMI NON SONO DIMINUITI ......SIAMO UN PAESE BENESTANTE....)

incredibile? .... NO vero....!!! vero !!! A viva voce
http://www.youtube.com/watch?v=eBQzPiYDeIQ

Siamo arrivati al 2013 !!
la situazione?

si è ancor più aggravata.

Ma credo - come dice Stanford (famosa la sua "curva") - , "è stato superato ampiamente il livello di equilibrio, il punto oltre il quale se si aumentano le tasse diminuiscono le entrate dello Stato. Si insegue un pareggio di bilancio che non si raggiunge mai e si seminano disoccupazione e malcontento sociale". "Troppe tasse riducono a chicchessia la volontà di investire e lavorare".

 

 

La povertà in Italia
Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le persone in povertà relativa sono il 15,8% della popolazione (9 milioni 563 mila), quelle in povertà assoluta l'8% (4 milioni 814 mila).
Tra il 2011 e il 2012 aumentata sia l'incidenza di povertà relativa (dall'11,1% al 12,7%) sia quella di povertà assoluta (dal 5,2% al 6,8%), in tutte e tre le ripartizioni territoriali.
( http://www.istat.it/it/archivio/95778 )

Pil e indebitamento AP
Nel 2012 il Pil (in volume) è in calo del 2,4% rispetto al 2011, il rapporto deficit/Pil è pari a - 3,0%
Periodo di riferimento: Anni 2010-2012
Pubblicato: venerdì 1 marzo 2013

( http://www.istat.it/it/archivio/saldo+primario )

Il futuro demografico del Paese
Previsioni demografiche: peggiora la dinamica naturale, in aumento stranieri e anziani

( http://www.istat.it/it/archivio/immigrati )

Stranieri residenti in Italia
Gli stranieri residenti in Italia al 1° gennaio 2013 sono 4.387.721,
+8,2% rispetto all’anno precedente
Periodo di riferimento: 1° gennaio 2013

( http://www.istat.it/it/archivio/stranieri )

( da http://www.repubblica.it/economia/2013/07/17/news/poveri_italia-63146992/ )

" La crisi mette in ginocchio l'Italia: vola la disoccupazione, crolla la produzione industriale e aumenta la povertà: lo scorso hanno i "poveri relativi" erano 9 milioni e 563mila pari al 15,8% della popolazione (13,6% nel 2011), 4 milioni e 814mila dei quali in povertà assoluta (i più poveri tra i poveri misurati sulla base di un paniere e servizi essenziali) pari all'8% della popolazione (5,7% nel 2011).
"I dati forniti oggi dall'Istat sulla povertà assoluta e relativa in Italia, dicono che il nostro Paese non solo è malato: lo è gravemente - afferma Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera.. È malata la democrazia come forma di governo chiamata a garantire a tutte le persone una vita libera e dignitosa.
Gruppo Abele e Libera hanno promosso Miseria Ladra, una Campagna nazionale contro tutte le forme di povertà. La campagna vuole essere un cantiere aperto a tutte le associazioni del volontariato, per "chiamare" e "convocare" alla mobilitazione su un problema che oggi tocca più tragicamente e in misura crescente alcune fasce sociali, ma domani potrebbe riguardare molti altri di noi."

come diceva il "Gesù"?....
"....NOI SIAMO UNA ECONOMIA FORTE... "
".....SIAMO UN PAESE BENESTANTE.... "
"..... I RISTORANTI SONO PIENI ....."

intanto
(Nel 2015, l'Italia è precipitata al penultimo posto (al 143 mo) dei governi più inefficienti del mondo )
( vedi a fondo pagina )

----------------------------------------

quante balle !!!!
ripresa nel 2009, 2010, 2012, 2013, 2014
( quella di Draghi (e sarebbe un tecnico !!??) la più grossa, nel 2012 e nel 2014)

ULTIMISSIME:
COME NELLE PREVISIONI DEL 2014

FEBBRAIO 2015

ci risiamo !!!!!
Draghi:
"Ripresa nel 2015, bisogna raddoppiare sforzi per le riforme"
Semplice, nessuno, ma proprio nessuno ci aveva pensato prima.
dotta affermazione di un supertecnico.
Seguita a dire servono le riforme. E' un ritornello non nuovo; lo sento sempre,
da quando ero bambino; soprattutto quando non sanno cosa dire,
e allora ripetono: "si deve fare le riforme". Intanto il debito aumenta.
(per pagare gli stipendi e i vitalizi di chi le riforme le dovrebbe fare)
>>>>>>>

Confindustria:
" con il Quantitative easing il Pil italiano crescerà dell’1,8% " (!!!) (?????)
"Secondo il centro studi di viale dell’Astronomia
nel periodo tra il 2015 e il 2016, il Pil salirà dell’1,8%
e ci saranno 3,2 miliardi di risparmio sugli interessi per le imprese"
>>>>>>

Ma ora di fronte a tanto stimolo e invasione monetaria, vari governi ne approfitteranno
per non fare le riforme promesse. Hanno continuamente accennato
a riforme, ma nessuno ha cercato di colpire, per esempio,
i grandi evasori fiscali o chi porta i soldi in svizzera
o chi va (ben 350) a mettere le sedi fiscali in Lussemburgo.
Paradiso fiscale per pochi eletti
Jean-Claude Juncker oggi neo presidente della Commissione Ue , lui il 'padrino'
degli accordi fiscali anti-tasse stretti dal Lussemburgo quando era premier. Ora é alla UE.
(i "pastrocchi" lussemburghesi > > > > )

------------------------------------------------

 

 

MA CALMA... !! NON TUTTO E' PERDUTO !
ARRIVA LUI IL MAGO (il tecnico)

A mettere a posto tutto, a mettersi il grembiule, a cucinarla e poi


a far svendere l'Italia in blocco avremo presto all'opera...
(si comincerà a cedere alla Germania l'Alto Adige - Scommettiamo? )
uno (dicono i suoi "amici") degli uomini più potentI del mondo.
il Venerabile Massone MARIO DRAGHI > >

intanto va dicendo
"E' ora di cedere sovranità sulle riforme. L'Italia allontana gli investimenti".
Renzi lo applaude. La Merkel un po' meno.
(7 agosto 2014)

Bisogna - lui dice - puntare sulle riforme:
Ma sarebbe bene che Draghi chiamasse le riforme con il loro nome e cognome: parassitismi, sprechi, privilegi, corporazioni, sistema politico centrale e periferico affollato oltre l'inverosimile.
Ci campano 1.000.000 di persone !!!!

La politica forse non serve più.
Appartenere ad una "comunità finanziaria unica " porta a cedere la sovranità.
Dunque con la sovranità all'Europa (BCE) non ha più senso parlare di singole democrazie,
nè avrebbero senso fare le elezioni in ogni singolo Stato.
E non ha senso in Italia (come avvenuto negli ultimi 3) fare dei governi (fantocci o renziani)
se poi l'Italia é governata dalla BCE).
Insomma il "Sovrano" e un altro soggetto non il "Popolo" !!!

"Le nazioni devono cedere sovranità. -
Abbiamo bisogno di vedere un processo di convergenza
delle politiche economiche e finanziarie".
Insomma vuole degli Stati Uniti d'Europa solo finanziarie.
Draghi è un economista? Ebbene che faccia l'economista!
Invece continua a lanciarsi ad esprimere opinioni politiche
in cose che non conosce e non capisce.
Una Unione di paesi così diversi senza più sovranità
servirebbe solo alla finanza è sarebbe uno scempio.
Draghi non sa cosa sia l'economia reale: Il lavoro.
Sa solo quella finanziaria, che però campa sul lavoro vero - reale - degli altri.



( Secondo me l'attuale "Renzismo" é la piena accettazione di una
sovranità di governo della BCE (sull'Italia però, mica sulla Germania !!).

E' difficile che 17 Paesi rissosi come sono quelli Europei ...
(figuriamoci in Germania !! - sarebbe come mettergli la "camicia di forza" )
... che rinuncino al loro potere di formulare e correggere le proprie leggi di bilancio.
Questo può succedere solo in America,
ma quegli Stati sono "uniti" da oltre 200 anni !!!!
Noi siamo ancora agli staterelli medioevali; perfino nella stessa Italia ci sono 4-5 "pirla"
che pensano a dividerci per tornare al Lombardo-Veneto.

(ma i lombardi in Lombardia sono nemmeno il 30%, il resto sono immigrati di altre regioni.
Mentre in Veneto con il pauroso calo di nascite fra poco sarà tutto in mano straniera.
Recentemente alle iscrizioni di una scuola elementare padovana, su 24 scolari vi era 1 solo italiano !!!
( fate un piccolo calcolo demografico: fra 10-20 anni chi guiderà il Veneto ???? )
Non la Moretti ma i "Moretti".

 

FUTURO

Draghi parla sempre di "riforme strutturali". Ma pochi capiscono cosa sono:

lo capiscono.......

Il cittadino comune: solo l'1%.
Gli Imprenditori: solo il 5%.
I Politici locali: solo il 6%.
i Politici a Roma: solo il 10%.
Ma chi ne ha veramente capito qualcosa, afferma che occorrono 25/50 anni per farle.

Io credo proprio (dopo aver fatto cadere Renzi)
che sia poi LUI - Draghi - il.......
Prossimo Pres. del Consiglio e anche Pres. della Repubblica Italiana.
(ci diranno é "per salvare la Patria")
con le mire a Presidente dell'Europa Monetaria Unica.....e dell'Europa (politica?) tutta.
( ci diranno che é "per salvare l'Europa" )

(Ma - nel frattempo - la Merkel cosa dice?
Gli lascerà acquistare titoli pubblici a suo piacimento?)

( con lo spettro dell' iperinflazione della Repubblica di Weimar? )


Dal 23 settembre 2014 ci saranno altre nuove euro-banconote BCE
( firmate da lui !!).
( in TV seguitano a farci vedere le rotative in funzione per i 10 Euro,
della Banca d'Italia che ne ha stampate 500 milioni di pezzi)


La "sua" BCE stampando tanta moneta
farà presto aumentare la liquidità dell' Euro.
Una montagna !!!!

LUI ha imparato dalla sua amica Janet Yellen




"adesso ho capito perchè voi USA avete così tanti dollari in giro"

La "solidità" degli USA delle riserve auree, sono le rotative
che stampano dollari come i giornali (50.000 fogli/ora).
( noi li stiamo imitando, le rotative ce le fanno vedere ogni giorno in TV )

Nel '71 svincolando il dollaro
dalla convertibilità in oro, gli USA da allora, hanno
continuato a stampare denaro, senza una base “solida”, cioè... sull'aria fritta.

Nel '71 le riserve auree di tutto il mondo erano di 200.000 tonnellate,
Oggi il corrispettivo in oro di tutti i dollari che girano per il mondo ammonterebbe a
75.000.000 di tonnellate di oro. (ho scritto milioni!!!)
L'oro é la carta !!!

"Mario Draghi punta pure lui con i tanti foglietti stampati, ad acquistare bond per risollevare la moneta dell'Eurozona sul modello della Federal Reserve dell'amica Janet,
ma le incognite sono ancora tante" (
By Economix di Federico Fubini).

A contribuire al defoult dell'Euro c'è ai remi la solita (vista sopra) Lagarde.
Questi 3
(Juncker, Lagarde, Draghi) all'ombra della Janet
salveranno l'Italia sicuramente (!!!) dall'abisso. (!!!)


________________________

Siccome la Banca Centrale Europea (privata)
stampa banconote garantite da aria fritta,
cioè prive di un controvalore (oro, argento, ecc.),
ne stampa quante ne vuole senza alcun controllo
nei confronti del debito pubblico dei vari Stati!
Anzi questo lo incrementa.



Fra poco avremo le tasche piene di "foglietti di carta" con su scritto "euro".
(e il ritorno alla tanto desiderata e attesa inflazione - "paradiso dei ricchi, inferno dei poveri").

Dopo i 5 e dopo i 10 Euro seguiranno i 20, 50, 100, 200, 500.
Attenzione a quelli precedenti (che avete sotto il materasso)
senza la firma Draghi saranno dopo pochissimo tempo, dichiarati fuori corso.
( nella raccolta differenziata vanno inserite nel bidone "carta" )

( Inizialmente, le prime serie circoleranno insieme alle nuove banconote,
ma saranno progressivamente ritirate dalla circolazione e infine dichiarate fuori corso.
(ansa)

(a proposito delle stampe; come mai ci sono i 10 Euro già
con una nuova recentissima ristampa e per ben 2 volte a firma Draghi ?
Così adesso sono TRE i tipi di 10 Euro in circolazione.
Ma perché ??

3 tipi !!! - ve ne siete accorti ???? E come ???

Occhio !!!!

ULTIMISSIME:
Ieri (12-Dic-14) sono andato in banca a prelevare 1000 euro
con gran meraviglia mi sono visto consegnare tanti foglietti da 50 euro,
e da 10, 20 euro, tutti a firma di Draghi.
Ma quanti ce ne sono in giro?
Gli organi di informazione avevano dato gran risalto alla stampa dei 5 euro
ma nessuno ci ha informato della grande quantità di 50 e 20 euro. Perché ?

Quanti ne avranno stampati !?



Inoltre tutti questi foglietti non ce li regalano (la carta e l'inchiostro costa!
Come costa !!!!!) e quindi ("SIGNORAGGIO" vedi > > > ) ci indebiteremo ancora di più.
(Signoraggio: Nei paesi dell'area euro, il reddito da signoraggio viene incassato dalla Banca centrale europea (BCE) per la banale carta e stampa delle banconote,
che essa emette in condizioni di monopolio)

SIGNORAGGIO
https://www.bancaditalia.it/bancomonete/signoraggio

Con la nuova abbondante liquidità le (destinatarie) banche brinderanno,
visto che i tassi BCE crolleranno.
E con tassi nei prestiti vicino ai limiti, a meno 0,0.........
(ma non ai poveri cristi) - che bel favore alle banche !!
a queste non basterà lo 0,0 a fargli cambiare lo stato d'animo e la strategia.
Non presteranno denaro a chi gli necessita non perchè non ne hanno
ma perchè non si fidano né delle imprese, nè dei privati.
Preferiscono investirlo - vedi l'ultimo prestito ottenuto)

.... crollerà anche l'euro.
a quel punto negli USA brinderanno pure loro dicendo: "é fatta!! l'euro è carta!!!".

__________________________

Siamo in un mondo pieno di carta moneta.
facciamo concorrenza al famoso napoletano Totò ......

Nel film stampando moneta era diventato così ricco, che poteva anche prestarlo,
prendendoci pure gli interessi. (le banche hanno imparato da lui?)
.


.....anno 2014 - Gli attuali falsari hanno ultimamente raddoppiato la produzione.
( Napoli ne è la capitale !! 100 stamperie)
Sono ormai centinaia (in Italia) le "aziende" del falso.
vedi > > >

Fanno concorrenza alla BCE di Draghi.
(che paradossalmente farà la prossima riunione della BCE proprio a Napoli !!!!)

-----------

ULTIMISSIME

a Napoli (7 dic.2015) sono giù comparse le nuove banconote da 10 euro (nuova serie Europa)
(considerate impossibile da falsificare)
>>>>

-----------------------------------------------------------

A settembre (2014) la Banca centrale guidata da Mario Draghi ha lanciato un programma di interventi su pacchetti di titoli privati (gli Abs, assetbacked securities) fino a 500 miliardi di euro. L'idea alla quale si lavora in Italia è far comprare alla Bce dei pacchetti di Abs che raccolgano parte dei crediti deteriorati delle banche italiane.
Poiché si tratterebbe in gran parte di titoli di bassa qualità, la Bce verrebbe incoraggiata a comprarli grazie alla garanzia (!!!!???) dello Stato italiano ( !!! comodo !!!)
In altri termini la Bce verrebbe rimborsata dal Tesoro in caso di perdite, dopo aver acquisito quei titoli già a sconto rispetto al valore originario dei prestiti.
Esempio per comprare 50 miliardi di crediti a rischio, la Bce li pagherà non più di 20.
Ipotizzando che il 40% si riveli irrecuperabile,
lo Stato (con i soldi dei contribuenti) dovrà versarne alla Bce 8.
In pratica significa aiutare le banche con denaro dei contribuenti.
Prendiamo ai poveri per darli ai ricchi.

---------------------

 

Alcune banche (tedesche) non vogliono prestiti dalla BCE,
né gli acquisti "quantitave easing"
mentre per altre senza scrupoli è una vera manna.

I tedeschi dicono:
Jens Weidmann, presidente della Bundesbank e membro direttivo della Bce.....
«No agli Abs; e ai "quantitave easing"
si trasferisce il rischio dalle banche ai cittadini.
E' un azzardo l’acquisto di titoli di Stato»
(dunque di debito pubblico).

La Bild é ipercritica. Il senso dei suoi articoli è sempre questo:
"che ci farà la Bce con i nostri soldi?"

-------------------------------

I soldi della Bce freschi di stampa dove sono finiti? Solo alle banche !

fateci caso: quando la Bce compra, la borsa sale, ma non perchè è aumentata la
produttività, ma perchè le azioni delle banche vanno alle stelle e rafforzano le proprie finanze,
e sembra che aumentano anche le azioni delle imprese (amiche) che sperano in un cadò.

Nel mese di ottobre 2014 gli istituti di credito italiani hanno investito 18,4 miliardi di euro in Btp,
portando gli asset governativi al livello mai raggiunto prima di 414,3 miliardi di euro.
Alle imprese (amiche) solo 8 miliardi ( !!!!!! )
La lieve ripresa dei prestiti bancari continua a ottobre 2014 seppure il saldo, rispetto allo scorso anno, rimane in territorio negativo. Ma a rendere il quadro ancora più fosco sono i dati della Banca d’Italia secondo cui gli istituti di credito nazionali stanno peraltro ancora facendo il pieno di titoli di stato il cui valore nei portafogli è salito a 414 miliardi di euro contro i 395 di settembre.
(di cui la gran parte 286 miliardi di Btp - altro che soldi alle imprese !!).

Insomma, le banche hanno usato il denaro della Banca Centrale Europea per rafforzare le proprie finanze. Infatti, nel mese di ottobre, gli istituti di credito italiani hanno investito 18,4 miliardi di euro in Btp, portando gli asset governativi al livello mai raggiunto prima di 414,3 miliardi di euro. I nuovi acquisti rappresentano i due terzi di quei 26 miliardi di euro che gli istituti italiani hanno preso in prestito dalla Banca centrale europea nell'asta Tltolo del settembre scorso.
Con l'effetto che i soldi sono andati a sostenere il debito pubblico nostrano invece che l'economia reale.
Per i prestiti alle imprese sono stati utilizzati solo 8 miliardi di euro.

---------------------------------------

Le banche il denaro lo hanno usato così, e lo useranno ancora allegramente così !!
Perché alla BCE, basta che schiacciano il bottone della rotativa e le accontenta.
.
-----------------------
A Draghi non piace la deflazione, preferisce la inflazione.
Dice che é il motore dello sviluppo. (come Weimar?)
E stampa !!! stampa !!! stampa !!!
Ma i benefici di così tanta carta-euro andranno a quelli che già stanno bene.
Sono loro (insieme al milione di parassiti che abbiamo in Italia) a far drogare la domanda.
Mentre per i "poveracci" che veramente lavorano, la vità costerà di più.

Durissimi quelli della Sueddeutsche Zeitung, che per rendere ancora più chiaro il messaggio sono andati a risvegliare i vecchi fantasmi: Draghi rischierebbe di condurre con la sua politica finanziaria la Germania ai livelli di inflazione della Repubblica di Weimar,

I tedeschi che sono contrari si possono anche capire
hanno un brutto ricordo della famigerata "Inflazione di Weimar",
che fu causata proprio dall'acquisto dei titoli di Stato;
stampando montagne di carta-moneta
.
E sappiamo con quali conseguenze !!
Un uovo costava un miliardo. E questo rimase indigesto a Hitler.

Per acquistare titoli di stato i tedeschi misero in funzione
le rotative che stampavano montagne di denaro
.

( Il "Papiermark" - il marco di carta )

1.783 stampanti lavoravano giorno e notte per la tipografia del Reich.

(quello che - fra poco - dovrà appunto fare la BCE di Draghi)
(Infatti quasi ogni giorno ci fanno vedere il TV le rotative in funzione)
montagne di
"europapier"

Attualmente già ci sono 14 miliardi di banconote in circolazione.
Inoltre I'Italia si conferma 'leader' nella produzione del falso,
una banconota su tre falsa é stampata in Italia.
>>>>>>>>>>>>>>

Wolfgang Schaeuble, il potente ministro delle Finanze tedesco, ha lanciato un duro attacco alla decisione prospettata da Draghi, cioè prestiti bancari cartolarizzati. " Il suo piano di acquisti di prestiti bancari cartolarizzati (Abs) e «quantitative easing». potrebbe creare conflitti d'interesse tra le attività della Bce, che da novembre (2014) assumerà anche il ruolo di vigilanza centrale sulle banche europee".
E ha aggiunto:
"Bisogna agire con prudenza,
evitare conflitti d'interesse o loro parvenze tra politica monetaria e vigilanza,
che devono essere rigorosamente separate".

Ma in Italia sappiamo già come funzionano vigilanze e controlli.
I controllati spesso sono gli stessi controllori o i loro intimi amici.

E se i tedeschi hanno un brutto ricordo di Weimar
in italia abbiamo il brutto ricordo dello "Scandalo della Banca Romana"
che un "tipo"
in Italia oggi vorrebbe emulare.

---------------------------------------------------

ULTIMISSIME

COME TOTO'
ORA ANCHE A BERLUSCONI
GLI E' VENUTA LA VOGLIA DI STAMPARE MONETA.

«Stampiamo una seconda moneta. - Abbiamo le nostre idee sull’euro e le presenteremo: per esempio, creare una seconda moneta, recuperando parte della nostra sovranità monetaria, una seconda moneta che possa essere stampata da noi e messa sul mercato che poi valuterà il cambio con l’euro. È una cosa che si può fare».
http://www.corriere.it/politica del 29 Nov 2014

"stampata da noi" ??? !!!
da noi chi ???

forse a causa della crisi dei libri, alla sua Mondadori stanno già scaldando le rotative.

avremo fra poco il "BUNGABUNGAEURO" ???

 

Si scaglia l’Idv: «Berlusconi vuole trasformare l’Italia in un Paese di falsari»
la stampa 29 Nov 2014 > > > >

Mentre il capo di un altro partito politico ultra populista molto spesso molto molto agitato,
vuole anche lui stampare moneta (padana) - la chiameremo N-euro, e il giorno dopo all'estero andranno a incassare il loro 50% dei 2000 e passa miliardi (in Euro) del nostro debito pubblico
mandandoci sul lastrico. Dovremo vendere Porti, Aeoporti, Spiagge, intere montagne
e qualcuno in Germania sta già pensando di comprarsi l'Alto Adige ( VEDI >>> ) , (tanto - diranno i nostri politici - dall'A.A. che è a totale autonomia, non ci ricaviamo mai nulla)
All'estero brinderanno col Prosecco italiano che pagheranno come una minerale.

Poi, c'é il dubbio . Non è che stampando stampando viene poi voglia a "qualcuno" di stamparseli per se?
Gli italiani saranno a quel punto doppiamente fregati.

----------------------------------------------------------

Ricordiamo qui il famoso scandalo della...
Banca Romana del 1892 > > >
quando qualcuno iniziò a stamparsi clandestinamente,
senza alcuna annotazione nelle registrazioni contabili
pacchi di banconote per se e per i suoi amici.
Non erano banconote false,
ma banconote "clonate"
dentro la stessa stamperia della Banca Nazionale Romana,
cioé riportavano gli stessi numeri di serie".

-----------------------------------------------------

 

Con la "riserva frazionaria" ( vedi > > > ) una banca
può prestare (con interessi a suo beneficio) 100 euro rispetto
a quello che ha effettivamente in cassa, cioé 2 euro di un suo cliente!
Ma se il proprietario dei 2 euro li ritira, la banca dovrebbe fallire.
NO !! niente paura a salvarla interviene lo Stato con i soldi dei...... cittadini italiani e europei.

------------------------
Già qualcuno (Lagarde vedi sopra)
parla di un prelievo forzoso sui conti correnti.
Parlando parlando qualcuno ha pensato che è meglio svignarsela:
Da agosto a settembre (2014) si sono dati alla fuga 67 miliardi

(http://www.quifinanza.it/8870/soldi/troika-prelievo-forzoso-fanno-paura-in-fuga-dall-italia-67-miliardi.html)

 

E' giusto il prelievo forzoso?
SI !!! -dicono "Il prelievo forzoso risponde al principio della responsabilità nazionale, secondo la quale i cittadini sono responsabili degli obblighi assunti dai propri governi". Questa è l'argomentazione del Fmi. Ma in Germania c'è chi si sta chiedendo se sia giusto che i correntisti debbano pagare le spese di una eventuale cattiva gestione di un istituto di credito. Inoltre nella cattiva gestione di una banca privata cosa c'entra il governo?

---------------------------

Conti correnti bloccati e prelievo forzoso.
E' il piano segreto Bce per l'Italia?

http://www.quifinanza.it/8968/foto/conti-correnti-bloccati-prelievo-forzoso-piano-segreto-bce-per-italia.html?refresh_ce

-------------------------------------------------------------------------------------

E poi cosa accadrà ????
( Anzi subito, senza poi...)

La BCE con la FED in testa sembra che miri ad un unica banca mondiale.
Draghi é il Banchiere Centrale dell'Europa fra i più Autorevoli del Mondo) (é al 9° posto) (al 2° c' é la sua compare della Federal Reserve Americana Janet Yellen, a capo della grande struttura (privata) monetaria dell'America e del mondo (prima di lei c'era l'ebreo Bernanke) ma é anch'essa ebrea (la prima donna alla FED) moglie dell' economista ebreo George Akerlof, Premio Nobel dell'Economia 2001).
Massoni contro ebrei? . hanno sempre vinto i secondi, hanno più soldi.

Le mire della Federal ?:.... far perdere valore all'Euro e poi fagocitarlo.
Nelle democrazie imposte e nella finanza mondiale deve esserci solo il Dollaro !!
( i politici americani hanno sempre deriso la nascita dell'Euro )

Del resto sul Dollaro....

...vi é la .....piramide tronca sovrastata da un occhio che è un ben noto simbolo massonico.
La piramide tronca si arresta dopo 13 file di mattoni (i muratori) la prima delle quali porta impressa,
in numeri romani, la data del 1776.

MDCCLXXVI , è l'anno in cui Jean Adam Weishaupt fondò l'Ordine massonico degli Illuminati.

Nel simbolo, come si legge in basso, viene nominato
“the great seal”, cioè “il grande sigillo”. (un accordo)



vedi il simbolismo del Dollaro > >


... sotto la piramide l'iscrizione "Novus ordum seclorum" che significa,
"Nuovo ordine mondiale"

“Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario,
perché se lo capisse, credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione”.
( Henry Ford )

Ma non dimentichiamo che gli USA,
con la scusa di voler portare (o imporre) la democrazia in tutti i paesi del mondo,
nel mondo ha ben 800 basi militari sparse nel mondo, pronte ad intervenire
.

----------------------------------------------------

SOCI (privati !!!!!!! )
PROPRIETARI DELLA FEDERAL RESERVE U.S.A.:
(sono quasi tutti ebrei e a capo della stessa Federal é Janet Yellen ebrea)

Rothschild Bank di Londra

Kuhn Loeb Bank di New York

Warburg Bank di Amburgo

Israel Moses Seif Banks Italia

Rothschild Bank di Berlino

Goldman, Sachs di New York

Lehman Brothers di New York

Warburg Bank di Amsterdam

Lazard Brothers di Parigi

Chase Manhattan Bank di NY

 

SOCI (privati !!!!!!! )
PROPRIETARI DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA:
(anche la banconota euro é privata)
é copyright (l'avete mai notato?)

Banca del Belgio (2,83%)

Banca Danimarca (1,72%)

Banca della Germania (23,40%) ( !!!! )

Banca della Grecia (2,16%)

Banca della Spagna (8,78%)

Banca della Francia (16,52%)

Banca d’Irlanda (1,03%)

Banca d'Italia (14,57%)

Banca Lussemburgo (0,17%)

Banca d’Olanda (4,43%)

Oesterreichische Nationalbank (2,30%)

Banca del Portogallo (2,01%)

Suomen Pankki (1,43%)

Banca di Svezia (2,66%)

Banca d’Inghilterra (15,98%)  ( !!!!!!!!!!!! )
(Paradosso: usa la Sterlina ma decide sugli Euro)

 

La Banca Centrale Europea (BCE) è ufficialmente di proprietà
delle banche centrali degli stati che ne fanno parte.

Siccome le banche centrali sono controllate da società private,
di conseguenza anche la BCE è palesemente una società privata.

Come in Italia la Banca D'Italia:

 

 

SOCI (privati !!!!!!! ) PROPRIETARI DELLA BANCA CENTRALE D’ITALIA:
Ecco l’elenco dei padroni di Bankitalia con le rispettive percentuali di azioni.
(da R & S, Ricerche & Studi di Mediobanca, 2003, pag. 1.149)".

Gruppo Intesa (27,2%)

INPS (5%)

Gruppo San Paolo (17,23%)

Banca Carige (3,96%)

Gruppo Capitalia (11,15%)

BNL (2,83%)

Gruppo Unicredito (10,97%)

Gruppo La Fondiaria (2%)

Assicurazioni Generali (6,33%)

Gruppo Premafin (2%)

Monte dei Paschi Siena (2,50%)

C. Risparmio Firenze (1,85%)

RAS (1,33%)

Anonimi (5,65%)

Tre banche da sole “controllano” con il 55,58% la Banca d’Italia:
(e mettono il governatore a loro gradito - Vedi l'ex Draghi)
Intesa
(27,17%), San Paolo (17,44%) e Capitalia (11,14%). Rimane un 5,65% nelle mani di anonimi…


e in certi casi i presidenti dei primi sono anche molto amici dei secondi

(da n. 01 del 4 gennaio 2004 di "Famiglia Cristiana", pag. 22)

(il 60% degli italiani non sa nemmeno chi è il governatore della Banca d'Italia,
e quelli che lo sanno il 90% sono convinti che sia una carica governativa e non privata,
cioé delle stesse banche - cioè i controllati sono azionisti del controllore.
Come già detto, un sistema unico al mondo. Ndr.)

 

L'elenco dettagliato si trova sul sito web della Banca d'Italia > > >>>>>>>>

--------------------------------------

LEGGI ANCHE I VARI MECCANISMI

BANCHE, BANCHIERI E MONETA
UN PARADISO PER POCHI
UN INFERNO PER MOLTI !!! > > > >

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ERA IL 1998 (quante profezie!!)

Il 1° maggio del 1998, a Bruxelles 11 Paesi tennero il solenne battesimo della moneta unica europea.
La reazioni nell' Europa degli 11 sulla nascita fu di grandi feste,
mentre in America Clinton non ne parlò nemmeno, ignorò del tutto l'argomento.

L'assurdo per la stampa Usa e degli americani é che il padrino del battesimo dell' Euro é un Paese che non fa parte degli 11: l'Inghilterra;
ed é ancora più paradossale che saranno proprio gli inglesi a Londra che concentreranno le attività di negoziazione dei titoli e dei relativi derivati della moneta euro (quest'ultima definita da loro) "straniera". Gli americani questi due paradossi non li hanno per nulla capiti e hanno molto ironizzato sulla stampa.

PAUL SAMUELSON il decano Nobel di Economia e professore al MIT,
ha così commentato:

"Non é ancora chiaro che cosa succederà a questi undici Paesi che resteranno diversi, per lungo tempo, pur avendo la stessa moneta. Ad esempio se l'Italia o Spagna si troveranno ad aver bisogno di uno stimolo macro economico ma la Germania no, che cosa accadrà, come si comporteranno? Negli Usa non esiste questo problema la gente si sposta da uno Stato all'altro, dalla Virginia alla California, non ci sono differenze di lingue e culturali che ostacolano la mobilità della forza lavoro. In Europa invece esiste questo problema."
(che profeta !! vedi oggi Germania)

GALBRAITH il celebre economista,
ha invece ironizzato sulla stampa ed é stato molto caustico:

"L' intesa é solo una prova della vanità dell'Europa,
convinta di poter ridiventare il centro del mondo"
.

La Stampa in Inghilterra: LA MONT: "Dannoso per noi adeguarci a culture straniere (!!!!!). Dio salvi la sterlina. Il governo spetta ai politici e non ai tecnocrati magari brillantissimi e capaci. Un livello basso di Euro potrebbe avere effetti inflazionistici, un livello alto finirebbe con l'acuire la crisi dei Paesi più poveri".
Gli inglesi rimarranno alla finestra a guardare: se va bene entreranno e l'Europa ne sarà felice, se va male felici saranno gli inglesi".

 

------------------------------------------------------------------------------

approfondiamo...

Cos'é una Banca Centrale?
Come é nata e da chi, la Federal Reserve in America > > >

------------------------------------------------------------------------------------

CHI SONO I VENERABILI MASSONI

I venerabili fanno ogni anno una riunione detta Gruppo Bilderberg,
Ma non è una riunione dei potenti ma è dove i “ranghi” più bassi
- capi di banche, capi grandi azienda, politici nazionali ed internazionali di turno, giornalisti ecc. -
Monti dal 1983 ha partecipato a ben 24 riunioni, Draghi dal '94 a 8 riunioni.
Riunioni dove ricevono istruzioni dai pochissimi padroni della finanza mondiale:
cosa fare, che politiche attuare, cosa far credere alla gente e così via.

lo abbiamo visto! Far fuori il Berlusca, far sperare con Monti, farci divertire col "toscano"
per qualche tempo con le sue 1000 bolle blu

Quest'ultimo si è impantanato con le "riforme" ma Katainen – lo disse chiaramente – le sue sono “riforme istituzionali” (elettorali, senato, P.A. ecc.) che nulla hanno a che vedere con i trattati e le richieste europee. Non sta facendo nulla di serio nelle "riforme strutturali" (lavoro e capitale, mercati delle merci e dei servizi) che stanno in Italia rallentando un’economia non in stallo ma già in recessione.

Di sicuro "lo sviluppo non è scontato, né facilmente é alla portata”.

(Salvatore Rossi - direttore generale della Banca d’Italia (!!!))

Quanto alle fumose "RIFORME" son cose vecchie.... vecchissime
(sone decenni che se ne parla)
quelle odierne sono dette per gli odierni lattanti......

"Solo accelerando l'attuazione delle riforme
si potrà ristabilire e assicurare al paese
un elevato e costante sviluppo economico"

Lo diceva già il ministro del bilancio Antonio Giolitti, nel 1964 ( !!!!!! )
quando era già finito il "miracolo economico".
50 ANNI FA !!!!
18.250 giorni fa, non basteranno quindi 1000 giorni di "bolle blu" !!!!

Hanno fatto così tante riforme che qualcuno
prende oggi 90.000 euro di pensione..... AL MESE !!!
(erogata dall'INPS !!!! )
(e non si vergogna - sono i contributi mensili di 90 lavoratori !!,
le trattenute di 1000 pensionati che prendono 500 euro)


Una (e come lei tanti) di soli 41 anni prende 5100 euro di pensione al mese !!
Avrà (e come lei tanti come lei) versato poco più di 100.000 euro di contributi,
mentre per il resto della sua vita prenderà circa 3 milioni di euro
a spese dell'INPS, cioè dei cittadini tutti.
E dei giovani...... 5 di loro dovranno lavorare per i prossimi 45 anni
per pagare la pensione a questa tizia.
(ci vogliono infatti i contributi mensili di 5 lavoratori per pagare la pensione sopra)

Famoso anche quel dipendente del Comune di Perugia:
è andato in pensione con 651.000 euro l'anno.
( ogni anno occorrono i contributi mensili di ca. 700 lavoratori
o l'irpef che pagano 6000 pensionati )

Fra non molto oltre ad altre tante tasse, gli italiani dovranno pagare le prestazioni sanitarie privatamente.
Non vorrei che qualche malato (di mente, non curato) entri in un ospedale a faccia una strage.


SONO DELLE FOLLIE. MA SIAMO UNA NAZIONE DI FOLLI !!!

in 70 anni abbiamo avuto 65 governi, e ogni volta 1000 politici si sono arricchiti
e poi sono andati in pensione con i ricchi vitalizi;
alcuni percepiscono anche 500.000 euro all'anno.
In totale sono 65.000 soggetti che costano ai cittadini quasi 7 miliardi all'anno.
( sono le trattenute di 500.000 lavoratori )


Abbiamo 1,1 milione le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.
Ci costano 24 miliardi all'anno.
( Documenti: I costi della politica - UNA FOLLIA > > > )

quanto GUADAGNANO e quanto DORMONO (VEDI > > >

La Casta si è data così tanto da fare nel varare - a personam - mille privilegi, che dal '70 in poi, anche se non c'erano soldi in cassa, per procurarseli ha iniziato a invadere l'Italia di Titoli di Stato, con interessi che sfioravano il 15%; fino al punto che molti industriali invece di investire per produrre, preferivano acquistare titoli di Stato; e quest'ultimo ovviamente cominciò a indebitarsi, fino al punto da arrivare oggi a emettere titoli solo per pagare gli interessi di quelli precedenti.
Se io deposito e investo 100 euro e ricevo in cambio 100 più 10 o 15 euro come interesse, avrò sempre qualcuno cui mancheranno quel 10 o 15 euro ed avrò sempre la certezza matematica che sempre più quel qualcuno dipenderanno da me (dal mio denaro).
(fra l'altro oltre la metà dei titoli sono in mano straniera - e quando un Salvini qualunque andrà al governo, gli stranieri mica staranno a guardare metteranno immediatamente i titoli all'incasso. DISASTRO ASSICURATO !!).

Insomma accadrà quello che è successo in Grecia oggi. Ai tedeschi e francesi ieri veniva comodo acquistare titoli greci con il 16% di interessi. E se la Grecia non aveva più soldi - per sè e per salvare le rendite dei ricchi investitori - alle banche greche gli si dava un altro prestito. E prestito ieri, prestito oggi, il serpente del debito ha iniziato a mordersi la coda. Cioè i prestiti che ricevono servono solo per pagare gli interessi del debito precedente e a far aumentare quello attuale e quello futuro. Fin quando non si avrà nemmeno più un euro per pagare stipendi, pensioni e quant'altro.

Ed è quello che dovrebbe evitare l'Italia.
Invece continua a emettere titoli.

------------------

AGENDO COSI' STIAMO DISTRUGGENDO GLI ITALIANI
E ANCHE L'ITALIA FISICAMENTE
QUALCHE ANNO FA IL "BEL PAESE" ERA AL
1° POSTO NEL TURISMO MONDIALE
OGGI SIAMO AL 5° POSTO E PRESTO AL 6°,
prestissimo ci passerà davanti anche l'Africa Nera.

L'Italia, é un paese seduto da oltre 30 anni su una montagna di miliardi di euro di debito (oltre 2000), figli di una spesa pubblica la cui metà è essenzialmente convogliata in assistenzialismo parassitario e clientele corruttive.
Un paese con una produttività quasi nulla,
una disoccupazione alle stelle
e una pressione fiscale reale al 52% del Pil;
una barca senza timone destinata...
SE NON SI CORRE AI RIPARI - a un naufragio certo.

Eppure .....
qualcuno afferma che

"Le famiglie italiane si stanno arricchendo"
( una delle "balle (bolle) blu" ma forse si riferisce alla sua famiglia)


sentilo qui >>>>

------------------------------------------------------------

I PIANI PER TRASFORMARE IL MONDO > > >

Nel mondo attuale ci sono 86 persone che possiedono le ricchezze di 3 miliardi e mezzo di persone.
Ma fagocitandosi l'un l'altro, ancora pochi anni e le persone saranno appena 4-5-10.
INFINE UNA SOLA !!! UN DIO IN TERRA SENZA ESSERE UN DIO !!
MA PURE LUI COME OGNI MORTALE CON I MESI CONTATI !!!
AL MASSIMO AVRA' SOLO UNA CASSA PIU' COSTOSA

------------------------

 

Auguri a chi resta,
con tanti pacchi di foglietti di carta con su scritto Euro.
Io ormai sono al termine dei miei quasi mille mesi.

E anche se voto, "quelli" fanno ciò che vogliono.

 

Chi ha creato il debito pubblico italiano
Il debito pubblico italiano ha ormai superato in valore nominale i 2.200 miliardi di euro,
la sua incidenza sul prodotto interno lordo era - a fine 2013 - pari al 132 per cento.
È un fardello che condizionerà le scelte di politica economica per i prossimi anni:
vediamo in che anni si è formato, e sotto la responsabilità di quali governi.
- - -
(gli anni precedenti sono tutti già convertiti in euro (in milioni)

Anno - Governi
Inflazione
Debito
Rapporto debito/Pil
       
1970 --- Rumor, Colombo
5,1%
14.285
40,5%
1971 --- Colombo
5,0%
17.585
45,7%
1972 --- Andreotti
5,6%
22.008
52,2%
1973 --- Andreotti, Rumor
10,4%
27.499
54,0%
1974 --- Rumor, Moro
19,4%
34.361
53,2%
1975 --- Moro
17,2%
43.205
58,4%
1976 --- Moro, Andreotti
16,5%
52.909
56,8%
1977 --- Andreotti
18,1%
64.063
56,6%
1978 --- Andreotti
12,4%
81.810
61,5%
1979 --- Andreotti, Cossiga
15,7%
98.632
60,6%
1980 --- Cossiga, Forlani
21,1%
118.038
58,0%
1981 --- Forlani, Spadolini
18,7%
146.410
60,1%
1982 --- Spadolini, Fanfani
16,3%
186.961
65,0%
1983 --- Fanfani, Craxi
15,0%
235.520
70,3%
1984 --- Craxi
10,6%
284.825
74,4%
1985 --- Craxi
8,6%
346.005
80,5%
1986 --- Craxi
6,1%
401.499
84,5%
1987 --- Craxi, Fanfani, Goria
4,6%
460.418
88,6%
1988 --- Goria, De Mita
5,0%
522.732
90,5%
1989 --- De Mita, Andreotti
6,6%
589.995
93,1%
1990 --- Andreotti
6,1%
667.848
94,8%
1991 --- Andreotti
6,4%
755.011
98,1%
1992 --- Andreotti, Amato
5,4%
849.920
105,0%
1993 --- Amato, Ciampi
4,2%
959.713
115,1%
1994 --- Ciampi, Berlusconi
3,9%
1.069.415
121,2%
1995 --- Berlusconi, Dini
5,4%
1.151.489
120,9%
1996 --- Dini, Prodi
3,9%
1.213.508
120,2%
1997 --- Prodi
1,7%
1.238.864
117,5%
1998 --- Prodi, D'Alema
1,8%
1.255.415
114,3%
1999 --- D'Alema
1,6%
1.282.605
113,1%
2000 --- D'Alema, Amato
2,6%
1.301.121
108,6%
2001 --- Amato, Berlusconi
2,7%
1.360.228
108,3%
2002 --- Berlusconi
2,4%
1.371.595
105,4%
2003 --- Berlusconi
2,5%
1.397.371
104,1%
2004 --- Berlusconi
2,0%
1.449.606
103,7%
2005 --- Berlusconi
1,7%
1.518.556
105,7%
2006 --- Berlusconi, Prodi
2,0%
1.587.781
106,3%
2007 --- Prodi
1,7%
1.605.126
103,3%
2008 --- Prodi, Berlusconi
3,2%
1.671.001
106,1%
2009 --- Berlusconi
0,7%
1.769.255
116,4%
2010 --- Berlusconi
1,6%
1.851.252
119,3%
2011 --- Berlusconi-Monti
2,7%
1.907.392
120,8%
2012 --- Monti
3,0%
1.988.363
127,0%
2013 --- Letta (28.4.13--21.2.14)
1.2%
2.067.000
132,6%
2014 --- Renzi (22.2.14...)
0,6-0,1
(a Ottobre) 2.200.000
--- ----- ------

Fonte: Banca d'Italia, Istat
Il tasso di inflazione è misurato con l'indice Foi (famiglie di operai e impiegati)

-----------

Se nel 1986 rispetto al 1976 (10 anni) il debito fu superiore di 10 volte (era Andreottiana-Craxiana)
Dal 2001 al 2011 (10 anni - era Berlusconiana) è stato di ben 37 volte rispetto al 1976.

-------------------------------------------------------------------------------------

€ 2.200.771.536.641 debito pubblico italiano (ALL'OTTOBRE 2014) !!!
€ 35.574 debito pro capite per ogni italiano
€ 101.084.862 AL GIORNO spesi in interessi sul debito pubblico


Ma ho l'impressione che a fine 1000 giorni (a fine 2018)
sfonderemo anche il muro dei 3000.

----------------------

Mi spiace che nessun politico ...
(invece di mettersi prono)

... abbia ricordato alla Merkel
che nel 1953 la Germania aveva un debito del 200% del PIL.
Poi azzerato portandolo al 30%
per farla risollevare dal baratro.
Tspiras in Grecia lo ha ricordato e non si è messo prono.

Inoltre: Tsipras: "Berlino usa tutti i trucchi legali possibili per non onorare i suoi debiti legati al secondo conflitto mondiale. Una Commissione ha fissato nel 2013 in 162 miliardi il saldo che i tedeschi dovrebbero versare alla Grecia. Quanto basterebbe per cancellare metà del debito".
Anche Putin ha ricordato che la Germania deve alla Russia 600 miliardi per debito-guerra.

La Merkel cammina a vista sulle spine, o meglio su molti terreni minati.
Dimentica che la Storia ci insegna che tutto può accadere da un giorno all'altro.
E spesso non è solo una spina o una mina, ma immani disastri.

 

Quanto all'Italia: volete scommettere che se la Merkel chiede a Renzi l'Alto Adige...
( " tanto non ci ha mai reso nulla l'A.A. ")
... lui mettendosi prono l'accontenta e forse ci aggiunge anche il Friuli.

"La Democrazia in Italia é scomparsa quando é andato al governo Monti, designato dai burocrati seduti a Bruxelles non dagli elettori. (Noam Chomsky - "I padroni del mondo" )

QUESTA LA VERITA' MOLTO SCOMODA > >>>>>>>>>>

------------------------------------------------------------------

Le famose aziende italiane già svendute all'estero.


Poi verranno i Porti, gli Aeroporti, le Austostrade, ecc. ecc. che venderemo a prezzi stracciati
Ancora qualche anno e resteremo con in mano un pugno di mosche.

Noi italiani con le case in proprietà con la crisi si sono svalutate di 1000 miliardi.
Alla grave crisi si è risposto alzando le tasse. Che intelligenti !!!
(ricordiamo che dal 2011 (Ici 9 miliardi di E) si è passati ai 2015 al 200% in più (25 miliardi di E con Imu e Tasi)
Inoltre il comparto edilizio (e l'indotto) ha perso il 66% di occupati in 7 anni, lasciando a casa 500.000 lavoratori.

vedi crisi edilizia > > > >

ultimissime 2015

ci risiamo !!!!
bla... bla... bla...

e c'è anche questa....


Matteo Renzi - @matteorenzi
Il 16 dicembre ci sarà ultima rata del 2015 per imu e tasi.
Segnatevela: sarà il funerale delle tasse sulla casa.
Ultimo giorno #rtl1025 - 9:42 AM - 2 Sep 2015

------------------------

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

sembra che abbia voglia di andarsene anche il Berlusca...
"Lui assicura che se ne andrà da questo “paese di merda >>>>>
La frase è in evidenza anche sulla homepage del sito spagnolo Abc:

‘Vado via da questo paese di merda’ >>>>>.

se andrà via
sarà ricordato come un messaggero di buone maniere,
di "GRAN CLASSE", come all'Aquila ......
uno che agli italiani sa dove metterlo
...

https://www.youtube.com/watch?v=EmM2WqdqmS0




ITALIA - DEMOGRAFIA COMPARATA ANNI 1936-1969-2000
elaborazione con i dati pubblicati nel volume "Il Mondo" anno 1936
con i dati riportati dal "Calendario De Agostini anno 1970
con i dati pubblicati in rete dal Demo Istat Censimento anno 2003

La popolazione italiana dove va? indietro !
In alcune Regioni fra alcuni anni, scomparsi i nati degli anni '40 -' 50 - '60,
soprattutto al Nord Italia si viaggia quasi verso il dimezzamento
e se le figlie attuali imiteranno le attuali madri poco prolifiche, sarà ancora peggio.

In Sicilia i nati del 2015 sono pari a quelli nati nel 1860 (150 anni fa)

Nascite nelle singole regioni nell'anno 1938 - 1969 - 2003

 
1938
1969
2003
Piemonte
60.234
69.993
35.120
V. d Aosta
1.618
2.181
1.190
Liguria
24.049
25.015
11.517
Lombardia
125.114
164.341
86.079
Trentino A.A.
11.032
16.989
10.124
Veneto
58.018
82.149
43.112
Friuli
17.609
19.910
9.548
Emilia
54.425
68.725
35.297
Toscana
49.320
57.420
29.252
Marche
18.889
23.361
12.160
Umbria
11.151
12.806
7.084
Lazio
66.986
88.533
47.734
Abruzzo
15.261
20.386
10.156
Molise
3.741
4.885
2.547
Campania
57.289
91.566
64.211
Puglie
43.973
63.559
39.364
Basilicata
6.521
9.173
5.378
Calabria
21.336
30.471
18.191
Sicilia
55.302
75.532
50.667
Sardegna
19.967
27.348
13.021

Popolazione nei tre periodi storici

1° periodo di 35 anni
2° periodo di 34 anni
     
anno 1935
ab. della provincia
anno 1969
ab. della provincia
anno 2003
ab. della provincia
anno 1935
abitanti città
anno 1969
abitanti città
anno 2003
abitanti città
Piemonte 3.497.799
4.316.556
4.231.334
Torino 1.147.129
2.175.167
2.172.226
647.997
1.152.798
861.644
Alessandria 502.852
485.573
418.203
82.567
99.023
85.153
Asti 253.216
218.051
209.116
49.062
73.211
71.536
Cuneo 619.598
540.454
561.729
36.150
52.574
54.642
Novara 389.108
489.719
505.605 (1)
63.223
98.941
101.172
Vercelli 359.525
407.592

364.172 (2)

39.546
56.098
44.852
Liguria 1.436.958
1.966.157
1.572.197
Genova 831.651
1.106.845
873.604
646.694
842.764
604.732
Imperia 162.383
225.870
205.998
28.727
39.307
39.518
La Spezia 221.921
247.335
215.707
122.521
129.219
91.279
Savona 221.003
286.107
276.888
60.700
78.168
61.997
V. d Aosta 226.107
107.857
120.909
Aosta 226.107
107.857
120.909
20.740
35.257
34.193
Lombardia 5.545.307
8.231.665
9.108.645
Milano 2.001.875
3.683.947
3.922.582 (3)
1.090.456
1.690.848
1.247.052
Bergamo 584.881
809.861
986.924
82.134
124.626
113.415
Brescia 710.642
941.891
1.126.249
125.797
204.369
187.595
Como 487.277
691.142
858.729 (4)
54.138
93.199
79.012
Cremona 364.842
338.457
338.690
64.023
80.798
70.849
Mantova 397.686
379.252
381.330
42.939
66.089
47.826
Pavia 481.884
528.805
497.233
50.419
85.160
71.479
Sondrio 133.758
169.992
177.568
10.827
22.449
21.572
Varese 382.462
687.308
818.940
42.645
80.324
79.890
Trentino A.A. 660.137
834.666
950.495
Bolzano 269.610
408.395
467.338
40.759
103.479
95.400
Trento 390.527
426.271
483.157
56.760
88.544
106.190
Veneto 3.405.013
4.053.977
4.577.408
Venezia 594.415
796.327
813.294
274.969
367.832
269.566
Belluno 210.355
229.367
210.603
25.423
33.721
35.309
Padova 632.160
744.646
857.660
142.871
224.217
205.645
Rovigo 315.868
256.652
242.608
37.302
48.240
50.377
Treviso 560.809
651.312
808.076
53.952
88.148
80.688
Verona 563.159
796.327
838.221
156.522
254.862
256.110
Vicenza 528.256
660.337
807.046
65.161
111.211
110.010
Ven. Giulia 1.272.572
1.225.927
1.191.588
Trieste 348.494
307.028
240.638
250.888
279.376
209.557
Gorizia 205.823
141.185
138.463
49.939
43.663
35.771
Udine 718.254
523.598
522.258
66.488
95.675
95.936
Emilia-R. 3.218.452
3.815.063
4.030.220
Bologna 683.032
901.690
926.637
280.954
488.510
373.018
Ferrara 366.611
391.425
344.025
121.143
156.644
130.169
Forlì. Ces.422.831
558.353
639.629 (5)
60.824
103.156
109.122
Modena 448.429
540.454
643.043
92.757
164.811
176.584
Parma 373.695
396.279
396.782
71.271
170.267
164.716
Piacenza 290.445
288.939
267.274
65.712
102.785
97.295
Ravenna 272.500
350.328
351.193
78.143
130.137
136.618
Reggio E. 360.909
387.595
426.637
91.079
126.903
144.313
Toscana 2.892.364
3.434.505
3.516.296
Firenze 840.287
1.112.443
1.167.090 (6)
334.509
457.659
352.940
Arezzo 301.147
306.819
326.172
56.976
84.838
92.448
Grosseto 176.991
217.324
212.001
24.004
60.116
71.378
Livorno 245.787
332.116
327.472
129.183
172.794
156.198
Lucca 339.991
378.739
373.820
81.810
91.401
81.871
Massa C. 189.678
204.000
197.562
39.841
62.447
66.883
Pisa 335.187
372.111
386.466
73.041
102.717
88.964
Pistoia 202.405
249.171
271.443
70.397
90.463
84.243
Siena 260.891
261.772
254.270
47.698
65.966

52.775
Marche 1.217.746
1.357.994
1.484.601
Ancona 356.879
412.574
452.175
84.437
108.326
100.794
Ascoli P. 288.811
341.380
372.407
36.979
54.536
51.347
Macerata 277.696
288.447
305.080
26.422
42.602
41.101
Pesaro-Urb 294.360
315.593
354.939
42.549
79.943
91.417
Umbria 694.074
783.265
834.210
Perugia 514.996
558.332
613.004
79.447
124.965
150.823
Terni 179.078
224.933
221.206
62.741
104.954
105.680
Lazio 2.385.052
4.565.621
5.145.805
Roma 1.386.437
3.351.801
3.723.649
1.185.432
2.681.673
2.540.829
Frosinone 413.766
437.906
485.041
16.683
37.024
48.466
Littoria (Lat.)190.678
365.207
497.415
6.000
68.781
108.968
Rieti163.985
150.377
148.547
32.152
38.720
44.453
Viterbo 230.186
260.330
291.153
37.059
52.522
59.354
Abruzzo 1.122.884
1.205.178
1.273.284
Aquila 344.466
309.169
298.082
52.465
52.718
69.161
Chieti 358.953
369.925
393.058
43.085
52.718
52.141
Pescara 193.051
262.794
302.983
43.952
113.520
121.728
Teramo 226.414
263.290
289.161
30.667
46.395
51.025
Molise 375.675
336.080
321.047
Campobasso 375.675
336.080

231017

27.402
39.637
50.991
Campania 3.494.726
5.132.568
5.725.098
Napoli 2.084.960
2.698.300
3.930.616 (7)
890.846
1.270.787
1.00.419
Avellino 420.843
453.938
432.115
27.445
49.745
54.277
Benevento 330.950
307.704
286.611
36.962
59.578
61.496
Salerno 657.973
973.351
1.075.756
63.084
148.127
137.728
Puglie 2.486.593
3.616.241
4.023.957
Bari 948.821
1.347.437
1.564.122
201.756
348.914
315.068
Brindisi 242.215
370.696
400.974
39.658
80.357
88.536
Foggia 595.586
676.796
688.902
57.232
138.253
154.970
Lecce 487.138
721.891
790.572
46.782
81.048
83.923
Taranto 302.833
503.421
579.387
125.536
216.565
200.436
Basilicata 507.750
633.432
596.821
Potenza 350.728
429.420
392.713
25.481
51.481
66.796
Matera 157.022
204.012
204.108
20.243
44.254
58.256
Calabria 1.668.954
2.067.276
2.007.392
Reggio C. 550.580
604.964
119.316
164.819
180.363
Catanzaro 572.625
743.558
711.558 (8)
41.888
81.548
95.058
Cosenza 545.749
718.754
733.142
36.113
94.800
72.305
Sicilia 3.896.866
4.868.893
4.972.124
Palermo 843.742
1.172.934
1.236.799
416.479
653.533
682.901
Agrigento 398.886
483.929
450.034
30.032
51.682
55.901
Caltanissetta 245.575
301.751
272.167
44.067
64.402
60.919
Catania 685.785
958.074
1.058.162
249.142
409.088
308.438
Enna 225.987
214.206
176.496
22.946
28.653
28.852
Messina 600.092
687.373
659.513
197.509
270.246
249.351
Ragusa 237.910
258.497
296.744
49.694
59.787
69.686
Siracusa 284.369
362.405
396.517
50.096
101.542
122.896
Trapani 374.520
429.724
425.692
60.000
77.029
68.417
Sardegna 973.125
1.488.047
1.637.639
Cagliari 476.232
804.847
915.970 (9)
113.880
219.852
162.864
Nuoro 207.283
284.561
264.496
9.302
28.826
36.877
Sassari 289.610
398.639
457.173
53.565
104.977
121.108

(1) Provincia comprendente Verbania - (2) comprendente Biella - (3) comprendente Lodi
(4) comprendente Lecco - (5) comprendente Rimini - (6) comprendente Prato
(7) comprendente Caserta - (8) comprendente Crotone e Vibo V. - (9) comprendente Oristano


TOTALE POPOLAZIONE ITALIANA
anno 1936: abitanti 43.050.103
anno 1969: abitanti 53.940.968
anno 2003: abitanti 57.321.070
(*)

(*) sono qui compresi i 2,5 milioni di stranieri
L'ONU, a questo riguardo, stima che nei prossimi cinquant'anni dovrebbero entrare in Europa almeno 160 milioni di immigrati, per mantenere i suoi equilibri interni demografici e occupazionali.

Ripartizione territoriale nel censimento in esame (2003)

Italia Nord-Occidentale 15.033.085
Italia Nord-Orientale 10.749.711
Italia Centrale 10.980.912
Italia Meridionale 13.947.599
Italia Insulare 6.609.763

----------------------------

Attualmente ( nov 2014 )

POPOLAZIONE IN ITALIA 61.864.623
totale immigrati presenti in Italia 5.983.238
disoccupati in Italia 2.946.791
lavoratori precari 3.364.189

lavoratori indeterminati 24.565.619
guadagno medio giorn. di un lavoratore 35 Euro
guadagno medio giorn. di un dirigente 150 Euro

costo medio giorn. di un parlamentare 382 Euro
( http://www.italiaora.org/ )

 

 

COME ERAVAMO NEL 1963 (RISPETTO ALL'EUROPA)
DURANTE IL "MIRACOLO ECONOMICO"


ANALFABETISMO
MEZZI DI LOCOMOZIONE
CONSUMI DOMESTICI
FORMAZIONE DEL RISPARMIO
TURISMO E CONOSCENSE LINGUE
DIVERTIMENTI E INTERESSI VARI
USO DEL TEMPO LIBERO
POSSESSO BENI DUREVOLI
COMODITA' IN CASA
IGIENE DELLA PERSONA

COSTO DI UN AUTO (NEL 1960)

100 ANNI DI PRODUTTIVITA'
POPOLAZIONE ATTIVA NON ATTIVA
INFLAZIONE

L'EMIGRAZIONE ITALIANA
" Una sciagura nazionale "

IL PIANETA SCUOLA NELL'ANNO 1971
( DOPO UN UTOPISTICO '68 !! )

VEDI > > >

 

 

l'ultima perla

Il rapporto annuale sulla competitività globale del World Economic Forum valuta
l'efficienza di 144 governi di tutto il mondo
secondo vari criteri, tra cui lo spreco della spesa pubblica,
l'onere della regolamentazione e la trasparenza del processo decisionale,
per produrre una classifica generale complessiva.

Dai risultati della ricerca condotta dal World Economic Forum sulla competitività globale, di Paul Muggeridge > >

IN ISTRUZIONE NON E' CHE L'ITALIA VADA MEGLIO

 

vedi anche
POLITICI LADRI, PROPRIETARI E MANAGER.
PENSIERI IN LIBERA USCITA >>>>>>

 

 

RITORNA CON IL BACK
NELLA PAGINA DI PROVENIENZA