LA NUOVA ITALIA MA OGGI I "BARBARI".....
SONO ALCUNI ITALIANI CHE VIVONO ANCORA IN ITALIA?


L'integrazione tout court in breve.

Ci provarono già nell'Impero Romano !! Finì molto male !!

Da 750.000 abitanti, a 20.000 per lo più vecchi, malati o storpi




vedi >>>>>> GLI STRANIERI "BARBARI" A ROMA >>>>> Poi i "barbari" a nord via via crearono nei loro territori, Imperi, le grandi città Parigi, Londra, Berlino E gli "ex schiavi " in Africa fecero altrettanto, .....

( nel 1931 l'Italia aveva 44.453.000 abitanti - oggi 2019 ne ha 57.000-000 ) (nel 1931 la Nigeria aveva 19.600.000 abitanti - oggi 2019 ne ha 200.000.000)
....e così anche gli "ex infedeli" in Medioriente...
totale oggi Africa e M.Oriente 2 miliardi di abitanti (per di più in ascesa) _________________________________
_________________
_____

Noi in Europa a litigare per secoli nei piccoli cortili. Creando Stati e Staterelli.
( e ancora oggi con alcuni non corre tanto buon sangue )
( ci siamo fatti la guerra-bellica fino a ieri, oggi la guerra-economica )
_______________ __________ ___

Oggi in Italia si dice a SINISTRA che alcuni italiani di DESTRA sono "fascisti" "razzisti" "populisti"
che portano il Paese alla rovina.
Ma quale rovina? Più rovinato di così !

Ma lo dicono solo per quel fastidioso quasi 50% che liberi elettori votano a Destra?
Ma questi sono... per lo più gli strati maggiormente disagiati della società.
Debbono ritornare forse oggi nella "cultura nel fuggi nelle grotte" come nella tanto amata Matera?
Oppure - come Pompei - saremo sommersi dalle ceneri di quei politici avidi di potere?
Che sono incapaci perfino di rigenerarsi rischiando pure loro di essere seppelliti.
Sono privi di idee, di soluzioni, o a proporre qualcosa; solo degli incapaci.
Nessuna idea politica finalizzata a quel disagio che esiste da qualche tempo in Italia.

E questi disagiati chi sono?
Sono forse i 250 mila all'anno che perdono la loro casa non potendo pagare il mutuo perché licenziati?
Sono forse le 3 milioni di famiglie (con 9 milioni di persone) in condizioni di povertà relativa?
Sono forse le 1,8 milioni di famiglie (5 milioni di persone) in condizioni di povertà assoluta?
Sono forse i 2,5 milioni (i giovani sono il 28%).......... di disoccupati?
(Avete fatto il totale? sono 17 milioni di Italiani !! E sono appunto i voti a DX). E SOLO SE SI LAMENTANO DI QUESTI DISAGI SONO SUBITO BOLLATI "FASCISTI".
E SE AL GOVERNO FANNO UNA LEGGE BEN ACCETTATA DAL 99% DEI CITTADINI,
SUBITO DICONO CHE BISOGNA RESPINGERLA IN BLOCCO,
SOLO PERCHE' - ANCHE SE BUONA - NON L'HANNO FATTA LORO
O PERCHE' SOPRA LA PAROLA LIBERTA
MANCA L'ACCENTO CHE SOLO LORO COSI' BRAVI SONO CAPACI DI METTERE.
DICENDO CHE E' PER IL BENE DEL POPOLO.

Agli Italiani non pensa più nessuno. Altro che "Socialismo Sociale". Resta un "UTOPIA"
Abbiamo oggi una sinistra che sembra voler prendere il posto del Capitalismo,
altro che comunismo e antiche (1917) istanze rivoluzionarie "Comuniste"
un termine questo che via via l'hanno fatto sparire da ogni corrente politica. Meno un ostinato che alle ultime elezioni ha preso 0,1 voti. (dai suoi parenti!)

La SX, avversari della DX si presenta oggi come l'espressione delle buone maniere,
usando piazze e gente sorridente che canta, ma che però vuole zittire e linciare l'avversario,
appendere alla forca colui che vede come la guida dei 17 milioni di "ignoranti"
e gli si punta il dito se LUI se si permette di criticare i suoi avversari.
Solo slogan privi di idee concrete o proposte di qualcosa, in pratica nulla,
nulla sanno (a 18-20 anni) di geopolitica, di macroeconomia, nulla!
Imprecano contro il "populismo di destra" e creano un "populismo a sinistra".
Dicono di essere contro i populisti solo per protestare contro l'opposizione,
il chè significa che l'opposizione in Italia non è permessa.
La sinistra accusava i leghisti e i grillini di populismo, quando
questi dicevano "prenderemo il posto della sinistra" poi uscito uno, il grillino -
sempre più debole - va al Governo proprio con la sinistra,
anche questa in piena decomposizione con arroganti partiti personali.

Sarebbe il caso di fare opposizione alle idee, non alle persone.
Una piazza che vuole zittire, linciare, far vedere la forca al nemico é molto pericolosa.
Non scatena una "Rivoluzione" ma una Guerra Civile.
Basta un attentato o anche un falso auto-attentato per accendere la miccia.
(e personalmente ne so qualcosa: ho fatto "antirerrorismo" per qualche anno)
Ci fu sì il barricadero '68, gli anni di piombo, le BR, ma poi ci fu il mesto "riflusso".
In piazza c'era prima perfino Baglioni con la sua canzone
"Piazza del Popolo" storia d'amore vissuta nella manifestazione
studentesca dispersa dalla polizia.

Una delle poche canzoni a sfondo politico di Baglioni.
Ma poi - con il mite riflusso - lui iniziò a cantare
"Amore bello" e "Piccolo grande amore". Gli adolescenti reduci delle piazze dove gridavano "il potere siamo noi"
al posto di "Bella Ciao"
preferirono lui, assieme a Battisti.
Gli ex sessantottini diventati improvvisamente più caramellosi e mielati
iniziarono a riempire non più le piazze ma le discoteche.

Rimasero quelli più ostinati, ma poi finirono pure loro
(fra accuse reciproche con vari delatori)
E anche questi finirono negli stadi a sentire e a fare i cori per i loro beniamini.

LE OPPOSIZIONI DI OGGI


L'opposizione é quella che vorrebbe una sua politica... (che certo non è fatta solo di "pesciolini" che cantano) .... fatta da silenziosi squali, assenti a tutti i grossi problemi del Paese, ma solo abili a criminalizzare gli avversari appoggiandosi e manipolando giovani menti vergini ed ingenue che di certo non capiscono gli oscuri meccanismi della "Razza Padrona" o della "Casta". Questa se ne frega delle ideologie e salta oscenamente da un partito all'altro. Alcuni sono 36-40 anni che sono lì sulle poltrone, cambiando casacca: fascismo, PCI, DC, PDL, LEGA e SX.... ultimamente a pezzetti vari.
E così con queste anomale strumentali contrapposizioni politiche ne creano altri di problemi, con il narcisismo e l'arroganza di qualcuno che crede di fare lui l" Imperatore" e di poter cambiare la popolazione italiana nelle sue radici e i suoi valori con degli stranieri, e solo per prendere poi (perché riconoscenti) voti da questi.
Ma l'Italia io penso non sarà mai unita nè con questo imbranato e arrogante imperatore nè con le "Nuove Risorse" o i "pesciolini" canterini.
L'Impero Romano con l'accoglienza degli "stranieri" fu fatta solo per poterli sfruttare. Poi alla fine furono gli "stranieri" a sfruttare loro. Gli imperatori li mandarono uno dopo l'altro al cimitero, benedetti dalla nuova nascente religione che anch'essa disunendo i romani (pur dicendo "siate umani") mirava al "Potere temporale". Questo insegna Roma. >>> >>>


Anche oggi si stanno disunendo gli italiani con una bassa politica e perfino con la religione, del Ns Papa, quello del "siamo tutti fratelli, aprite i porti" "siate umani!".
Ma il Papa é ancora cristiano oppure vuol dedicarsi all'Islam ??
SCOMMETTO che ci sarà un nuovo partito di "centro" del Vaticano, non proprio (noooo !!!) di sinistra, ma "alternativo"(!?) "XYYX" solo per contrastare la destra.
Nel frattempo anche una suora è diventata una "sardina" e va dicendo "In questo movimento io scorgo delle virtù evangeliche". Mentre a Vicofaro il parroco fa cantare in chiesa alla fine della messa "Bella Ciao". Mentre un altro ancora mette a disposizione il piazzale della sua chiesa per il Ramadam islamico.
Chissà cosa accadrebbe se io organizzassi una processione cristiana in grandi città islamiche!!

TORNIAMO UN PO' INDIETRO
(Pio XII nel '48 invece ambiva ai voti dei ricomparsi fascisti - e liquidò di brutto De Gasperi. Lui pur essendo della Dc era contrario ai voti dei nuovi fascisti. Ne aveva anche le ragioni; nel ventennio i fascisti all'"austriacante trentino" gli distrussero il giornale, lo arrestarono, lo perseguitarono e lui trovò rifugio per 10 anni in Vaticano. Papalino?? ma non più di tanto.

De Gasperi nelle elezioni del '53 (lui DC ma controcorrente) era contrario all'appoggio nella stessa DC dei voti del MSI. La Legge del suo amico Scelba ("Reato Apologia del Fascismo") gli andò un po' in aiuto. Ma la disfatta subìta dalla DC - nonostante la "Legge Truffa" fattasi in casa, fece infuriare Pio XII che proprio dalla destra si aspettava voti. Fu la disgrazia per De Gasperi. - E nulla poté fare anche la sinistra di TOGLIATTI e il socialista NENNI, che prima De Gasperi aveva voluto amichevolmente incontrare per fare accordi con la sinistra per il bene del Paese. Questo "satanico" incontro con i "senza Dio" aveva già fatto infuriare Pio XII che dai voti dei fascisti si aspettava che la SUA DC andasse al governo con una netta maggioranza. Si verificarono però poi due anomalie nei risultati; 1) la "Legge Truffa" fatta in casa dalla Dc non funzionò per soli pochi voti. 2) non funzionò nemmeno la "Legge Scelba", perchè proprio con i voti fascisti la DC andò ugualmente al Governo anche con una risicata maggioranza e non come avrebbe voluto per comandare solo la DC e il Papa.
(NOTA: della "Legge Scelba" nel '94 Berlusconi se ne fregò altamente, prese con sè Fini e la Mussolini che a Roma e Napoli avevano preso nelle El. Comunali il 47-46% dalla destra. Con loro due - con la DC in disgrazia, vinse e fece fallire il dispiegamento della "gioiosa macchina di guerra per la vittoria " che aveva preparato il mite Occhetto del PCI).

De Gasperi fu così punito, lui che era stato al Governo 7 volte, non gli affidarono nemmeno un dicastero. Lo mandarono a casa, dove morì poco dopo. Come Capo del Governo misero Pella un DC fanatico, gradito al Papa. Costui temendo una ipotetica entrata "dei senza Dio", i comunisti di Tito a Trieste concentrò l'esercito italiano in armi a Est; poi in una azzardata dichiarazione in USA rilasciò questa folle dichiarazione.....
"che preferiva una guerra atomica in Italia piuttosto che far unire i comunisti italiani con quelli di Tito".
Con queste scellerate idee Pella durò poco: 4 mesi.
L'Italia voleva dimenticare il periodo delle contrapposizioni politiche, le barricate della guerra civile, nè si fidava dei nuovi politici, privi di esperienza. E questi anni (autogestiti) furono i migliori sotto l'aspetto economico, imprenditoriale commerciale, facendo gli italiani tutto da soli. I tassi di incremento economico degli anni del cosiddetto "Miracolo economico" anni 59, 60, 61, 62 furono i migliori del secolo con rispettivamente il 6,4 - 5,8, - 6,8 - 6,1 %. (significa 30 volte in più del nostro 2019, che è del 0,2%)-
Gli italiani rimboccandosi le mani si dimostrarono di essere i migliori d'Europa. Chiunque poteva aprire una attività, commerciale, artigianale, imprenditoriale senza pastoie burocratiche e senza ancora le successive "Razze padrone" o delle "Caste" politiche che poi vollero loro - nei vari feudi delle correnti politiche - cavalcare questa spontanea ripresa. Fallendo!
Solo un politico - ammirando il "miracolo", la vitalità degli "italici" che dopo un' Italia divisa e lacerata tornò a fare l'unità nazionale del Paese; fu Piero Bassetti, industriale e politico di lungo corso, che ammise "li abbiamo lasciati fare senza intralci, ingerenze, noi non ne saremmo stati capaci, e per fortuna ci è andata bene!".



(anni dopo - nel 1978 - ci fu un altro "controcorrente" dentro la DC e con lo stesso Papa.
ALDO MORO volle incontrare amichevolmente pure lui un esponente della sinistra,
BERLINGUER, per fare accordi per il bene del Paese.
Far nascere un Centro-Sinistra. Con i "senza Dio"? - Piovvero ANATEMI. Fu eliminato anche lui !!!
(Un curioso film - sparito dalla circolazione -
ma qualcosa trovate in Rete)
era "TODO MODO" fatto solo un anno prima
che aveva anticipato perfino nei particolari la tragica fine di Aldo Moro.
(lui profeta - aveva nelle sue accorate lettere già previsto la futura dissoluzione della politica).
(ed anch'io - essendo in incognito stato presente in molte riunioni eversive
compresa quella nella saletta del Bar del Teatro Sociale a Trento
dove...... Curcio e "compagni" stavando dando vita alle BR)

Un dramma quello di Moro vissuto allora ma che sembra si respira ancora oggi in Italia.


Infatti oggi si sente questo respiro. Le invocate "Resistenze" per il "Bene del Paese" sono altre.

Non stanno né a Destra, nè al Centro, né alla Sinistra, né a San Pietro. E' informe.
Piuttosto anomalo, sembra un respiro senza gli italiani.

La congolese Cécile Kyenge --- Va dicendo " Uniamoci in una "Nuova Resistenza" per difendere i valori della "Nostra (!!??) Costituzione". Bisogna schierarsi senza mezzi termini, per il "Bene del Paese" contro discriminazione, razzismo, xenofobia, fascismo. E per questo ho fondato "Afro Italian Power Initiative".
Così va dicendo anche Stephen Ogongo, "ho fondato "Cara Italia" "con l’obiettivo di creare una classe dirigente che ama il "bene del Paese Italia", con Parlamentari di tutte le origini, che potranno domani diventare anche "Capi di Governo ".
"Siamo l'Italia !! - Siamo l'Europa!! - L'Italia sono anch'io"

e fanno scendere nelle piazze i "costruttori" dell' "Italia Nuova"
quei "giovanotti tanto sorridenti che sono oggi le "sardine"
che parlano come dei sapienti e dicono quali sono i "diritti" da dare agli altri..... (dati da loro !!??)


Chi si farà avanti a fare il "Giustiziere"?

SONO QUESTI GLI SLOGAN NELLE PIAZZE: "avremmo bisogno di un giustiziere"

"questa é la nostra terra" - "l'Italia sono anch'io"

"è giunta l'ora" - "siamo il futuro!"



NASCE COSI' IL MOVIMENTO DEI "NUOVI ITALIANI"
(pesciolini che hanno abboccato all'amo)

PER DIFENDERE (con gli stranieri) I VALORI DELLA..... "NOSTRA COSTITUZIONE"

Grida la Joy: "E' giunta l'ora" - "Siamo il futuro"
( questi slogan con il tam tam stanno girando in tutta l'Africa isole comprese)
( che fra poco avrà 1,5 miliardi di abitanti- presto 2 )



Hanno costoro ragione?

E' un paradosso il voler far nascere oggi una "Italia Unita" con persone che fino a ieri, per stirpe, identità e cultura era del tutto sconosciuta ai nostri padri e alla gente comune, inoltre molta di questi stranieri non vogliono affatto essere integrati, ma vogliono tenersi la propria cultura, tradizioni e soprattutto la loro religione (i Ramadam loro le fanno nelle nostre Piazze Duomo - cose che noi invece non possiamo fare in una città islamica come a Dubai - dove sono proibite esternazioni di altre religioni), e in molti casi (occultamente) nutrono perfino rancore verso di noi non avendo dimenticato cosa NOI con la nostra precedente "civiltà" "umanità" "alta cultura" abbiamo fatto a loro anche in tempi non lontani.
C'é poi in più collateralmente anche qualche vittima che (strumentalizzata da altri) ci vuole rammentare il suo "non perdono" ricordando non nelle piazze ma nelle scuole le sue pene a chi ai suoi tempi non era ancora nemmeno nato.

Infatti tutti questi, allora assenti, conoscono poco o non ricordano le discriminazione razziali sui pochi ebrei di 80 anni fa, fatte in Italia, mentre oggi TUTTI i milioni di Islamici e Africani non hanno affatto dimenticato e ricordano ( + oggi sanno e leggono pure loro la Storia) ciò che hanno subìto, fino a ieri e prima in dieci secoli.
E se le prime (nell'8-900) in Italia furono solo temporanee e limitate verso una ristretta popolazione, quella ebrea, le seconde non furono affatto limitate, ma agirono sullle popolazioni di due continenti nell'arco di 1000 anni, trattati o da "Infedeli" senza Dio oppure usati come "schiavi".

Oggi queste stesse popolazione si avviano a diventare 4-5-6 volte più numerosa della nostra povera Europa. E la loro mira é una, non tanto silenziosa, una RIVALSA puntando a prendersi il potere, "schierandosi senza mezzi termini" (come dice oggi la Kyenge) per difendere i loro valori.

Quanto allo spauracchio dello "SQUADRISMO". - Ci si inventa le prepotenze squadriste solo perché qualche matto si agita più del solito, spesso solo per ragioni sue personali, perché emarginato, perché un nero fa un goal alla sua squadra, oppure perché oggi le droghe in Italia girano a chili e creano esaltazioni singole e di massa.

Una frangia giovanile criminalizza tutti in blocco, e lo fa come se fosse allo stadio o in un concerto di una star.
Sempre sorridenti nelle "accoglienti" TV con l'appoggio encomiabile, entusiastico di certi giornali, che ci tengono a far sapere che sono "sbarcati" non i "mille" ma i 100.000 in Sicilia. (Riflettiamoci sopra. Li devono sbarcare!! Poca la gente del luogo, che ha altro da pensare e non ha la cena pronta a casa di mammà e papà, né al bar hanno in mano gli spritz!

Questi non capiscono nulla - nè potrebbero - di politica, e anche nulla dell'oscuro sistema di potere. Anzi - strumentalizzati loro malgrado - sono utilizzati e vanno a far parte della "strategia" proprio di questo potere che mediaticamente ed economicamente é influente. Ma se a questi giovani gli chiedi a che ideologia appartengono, danno (nelle accoglienti TV) delle risposte vaghe oppure ti dicono di essere apartitici, apolitici. Sono solo contro la destra e non prima gli italiani. Protestano solo contro l'opposizione, il chè significa che l'opposizione in Italia non è permessa.


Inoltre fanno parlare chi non è con loro allineato, così certi personaggi in rete e sulla stampa che fanno dell'informazione un uso e un abuso, tutta schierata verso quella parte che sembra "buonista" con il sorriso, ma é invece (vuol sembrare?) - "barricadera" e dice parole tremende "avremmo bisogno di un giustiziere" va dicendo la Zaoui.

Apolitici sì, poi si scopre fra questi giovanotti (pur non esibendo la bandiera rossa): uno si candida nel PC; uno aiuta un candidato del PD; e che per molti altri, il Pay Pal fa ogni giorno i miracoli per andare in giro a "sbarcare" nella varie piazze, dove poi non vogliono far parlare né far ascoltare i temuti (?) avversari.
E' il fenomeno piu' fake di tutta la storia d'Italia, che resta sempre sul vago ed é l'unico ad andare contro Salvini solo perché và di moda, perche é cavalcata dalla sinistra. Nell'adunata di MIlano anche Saviano !!
Dicono tutti, "siamo"apartitici", "non diamo indicazioni di voto a chicchessia" poi sale sul palco di Modena Jamal Hussein (italiano?) con dietro il manifesto di Bonaccini (candidato del Pd a Bologna) e fa un accorato appello per dargli il voto, dicendo "Per far sentire la nostra voce il 26 gennaio nelle urne".
E' costui un "apartitico"?.

Non fanno altro che parlare di "antifascismo", ma perché si tace sull' "anticomunismo”? Qual è il senso?
Ma se non ci fosse questo indefinito fascismo alle porte, certi intellettuali disinvolti di cosa parlerebbero?

Dimenticano che il fascismo era ed è ancora tutto il sistema di cui i partiti fecero parte e fanno ancora oggi ancora parte. Anche se alcuni li troviamo nell' opposizione e fanno del fascismo un uso e abuso quando fa loro comodo. Leggetevi tutti i nomi di quel " passato" negato, da loro abiurato. Troverete ancora oggi famosi giornalisti, intellettuali, politici e perfino fino a ieri un ex Presidente della Repubblica. Che cambiarono del dopoguerra la casacca - anche se opportunisticamente - per stemperare - accortamente e con una "amnistia togliattiana per tutti" - i rancori di alcuni e gli odi di altri, riportando - per fortuna - l'Italia il ritorno a una certa fratellanza, tranquillità e operosità. Altri tempi e altri uomini nonostante con tanti difetti pure loro.

MENTRE OGGI PIAZZE PIENE E PARTITI VUOTI CON DENTRO SOLO SCISSIONI, LOTTE ONDIVAGHE INTESTINE, FRAMMENTAZIONI, SENZA UNA VISIONE CHIARA DELLA VERA POLITICA. MA SOLO NASCITA DI CORRENTI DI TIPO FEUDALE, CON PARTITI PERSONALI, CHE POI ENTRANO 4-5-6 VOLTE NEI GOVERNI SENZA AVER VINTO LE ELEZIONI MA POI CHIEDONO PERFINO PIENI POTERI SENZA IL CONSENSO DI QUELL'OPINIONE PUBBLICA CHE ANCHE SE E' ANDATA ALLE "FARLOCCHE" URNE VIENE IGNORATA MESSA A TACERE. CITTADINI CHE HANNO SEMPRE MENO SICUREZZA SUL PROPRIO FUTURO, CHE - SENZA SCENDERE IN PIAZZA CON I CANTI E LE TV ADDOSSO - LOTTA IN SILENZIO PER QUELLE DISUGUAGLIANZE RICORDATE ALL'INIZIO. SOPRATTUTTO PER CHI E' ANZIANO. E CHE OGGI STANNO GIA' DIVENTANDO UN PROBLEMA PER CHI E' RICCO !!
LO "spettro" OGGI NON E' PIU' IL "comunismo" MA LA LUNGA VITA DEI POVERACCI.

Christine Lagarde, ha lanciato l'allarme contro "lo spettro della longevità. Smantellare subito il welfare e il sistema previdenziale! La longevità sta diventando un problema". Gli anziani che hanno dato in questo ultimo mezzo secolo ai loro figli un discreto benessere, ora é un "problema" da "smantellare". Possiamo solo sperare in una entrata gratuita nei forni crematori, visto che oggi costano pure questi.
http://www.ilcambiamento.it/articoli/christine_lagarde_problema_longevita_stato_sociale

E ADESSO VENIAMO AL TITOLO INIZIALE DI QUESTA PAGINA
("siamo con i migranti per fermare le barbarie di certi italiani" )

La politica italiana ha ormai due campi di battaglia; ci sono i "barbari" (così li chiama l'ANPI schierata con i migranti per fermare la barbaria" di alcuni italiani (anche se io ricordo certi barbari a Piazzale Loreto); barbari che dicono che hanno avversione per la "sacra casta sinistroide", e questa ha una avversione verso " i populisti destroidi" - e sono stucchevoli quando quest'ultimi vengono chiamati tutti fascisti, e poi paradossalmente é accusata di "fraternizzare" con i Russi per ricevere finanziamenti. Dimenticando quando questi della "casta rossa" odierna, il finanziamento "fraterno" del Partito Comunista Sovietico lo riceveva il Partito Comunista Italiano. Dimenticando quando - ai comunisti padani - nel '44 inviarono in Italia 4-5.000 russi per dare loro un appoggio per scatenare una rivoluzione bolscevica anche in Italia.

In Italia come in Russia i comunisti (il PCI nasce nel '21) hanno sempre voluto subordinare il potere economico-finanziario e nel farlo prendevano esempio dal regime bolscevico, quello che poteva cambiare tutto dal basso, con la volontà popolare, con (guarda caso) il "populismo" e l'eliminazione fisica di tutti coloro ritenuti incompatibili per l'edificazione del comunismo prima leniniano poi staliniano.
Furono solo "parole" nei loro programmi, con tante utopie nei contenuti. Era un po' poco per trasformare l'Italia. La rivoluzione socialista in Russia generò solo una feroce dittatura. E non a caso Lenin aveva definito il comunismo come "la dittatura del proletariato, un potere non limitato da "nulla", "da nessuna legge; non condizionata da alcuna regola". Un programma che descrive perfettamente ciò che è poi avvenuto sotto il regime di Stalin. Il mezzo secolo buio. Che per fortuna non ha avuto un seguito. Ma Stalin se avesse potuto - con i suoi "Compagni" - avrebbe fatto fucilare lo stesso Marx, che profetico aveva già messo in guardia: “Uno spettro s’aggira per l’Europa, lo spettro del comunismo”. Rimase uno "spettro" fino a quando crollò il "muro" e dove al di là - abbiamo visto tutti - non c'era nulla.

Oggi da noi, un certo appoggio - entrando a gamba tesa nella "SACRA" POLITICA - lo dà anche il Papa
CHE ULTIMAMENTE SCONCERTA !!!
Va bene. "Il Cristianesimo ha fatto grande il mondo, ha dato corpo alla libertÓ, ma la pace proprio no, quella non l'ha mai portata. De resto è proprio scritto nel Vangelo: "Io sono venuto a portare non la pace, ma la guerra".

Ci si indigna in Vaticano - a parole - per l'antisemitismo verso la Segré, solo strumentalmente usata
mentre LUI va sottobraccio e si inchina all'Islam, punta di diamante dell'antisemitismo.
Saremo anche tutti "fratelli"
ma......dov'é la coerenza? del Papa e soprattutto del PD dov'è?

Se io fossi l'ebreo Emanuele Fiano che é del PD, mi incavolerei proprio col PD
e direi a loro "ma a che gioco state giocando?"


Il Papa fa già i suoi "miracoli"
(é già soprannominato il "Marx del cristianesimo")

lui va in giro a baciare i piedi degli africani,
prega per i poveri Palestinesi anti-israeliani
va ad abbracciare l'iman, fa viaggi umanitari nell'Islam, con gente che gli dona
il nuovo simbolo della pace e dell'amore nel mondo ....
e così abbiamo oltre ai pesci a basso prezzo al supermercato...
( dove basta un po' di Pay Pal per comprarli )
abbiamo anche
falce, croce e martello

 

Cosa vanno dicendo adesso gli "sponsor" delle gioiose piazze?
(senza esporsi troppo ) VINCEREMO !!

oggi perfino nei seminari e nelle chiese si é cambiato pelle....

LEOLUCA ORLANDO, lo sa meglio di tutti....
accogliendo lo sbarco in Sicilia dei pesciolini .....
lui con l'Arabo accanto non ha dubbi.....

mentre la Zaoui, che abbiamo visto sopra in piazza accanto a Santori e Jamal Hussein
va dicendo "avremmo bisogno di un giustiziere sociale" !!!!! "pregate, che dio vi ascolta" !!!!!!


Inoltre con tanta faciloneria fanno del becero antisalvinismo-SOVRANISMO e ANTIPOPULISMO.
Ma lo fanno solo per criminalizzare, svuotando la vera democrazia degli elettori,
(17 milioni) che vorrebbero semplicemente votare in un altro modo.

Ma se non sapete cosa sono questi due termini leggetevi almeno la Treccani.
Hanno perfino cambiato il significato, come se le 2 posizioni fossero negative.

-- SOVRANISTA è colui che ama il proprio PAESE, il proprio sapere, le sue tradizioni, e le difende. Come fa una famiglia dentro la SUA propria casa.

-- POPULISTA è colui che si interessa delle necessità del benessere del suo POPOLO. Come fa un capofamiglia con la SUA propria famiglia.

NOTA - questo "populismo" si era sviluppato in Russia verso la fine del sec. XIX; aspirava a una sorta di socialismo operaio, in opposizione al burocratismo zarista e al capitalismo occidentale. Un movimento politico creato per eliminare i disagi ed esaltare le qualità e le capacità del proletariato. Quindi, non dovrebbe essere una male con i populisti di oggi che pure loro sono i disagiati ricordati sopra.

E quante "balle" su "razzismo " e "antisemitismo" degli italiani che sono solo strumentali, fatte solo per criminalizzare e far perdere voti alla (costituzionale) democrazia della destra.

 

L' "ANTISEMITISMO" in Italia verso gli ebrei non esiste perché da noi sono pochi. In Italia alcune città e paesi non hanno mai visto e conosciuto un ebreo. Del resto gli ebrei sono in Italia 1 su 1000. Più o meno 50.000 e solo nelle grandi città.

Nel ventennio fascista tutti gli ebrei in Italia tranne i sorvegliati speciali, avevano in tasca il passaporto e potevano usarlo quando volevano; infatti fino all'8 settembre del 1943 furono rari gli ebrei deportati in Germania.
Mai un ebreo - di qualsiasi nazionalità fosse - fu consegnato ai tedeschi con la collaborazione delle autorità italiane pur essendo queste fasciste. Ne fa fede il docente dell’Università ebraica di Gerusalemme, George L. Mosse, nel suo libro “Il razzismo in Europa”, a pag. 245 scrive: «Il principale alleato della Germania, l’Italia fascista, sabotò la politica ebraica nazista nei territori sotto il suo controllo. Ovunque, nell’Europa occupata dai nazisti, le ambasciate italiane protessero gli ebrei in grado di chiedere e ottenere la nazionalità italiana".

E abbiamo anche Il “Manifesto degli intellettuali” del 1925, redatto dal filosofo Giovanni Gentile, dove veniva sottoscritto da ben trentatré esponenti della cultura di religione ebraica. Ed anche la legge Falco del 1930 sulle comunità israelitiche italiane, voluta da Mussolini per salvaguardare il patrimonio artistico, storico e culturale ebraico, fu accolta con grande favore dagli ebrei italiani. Artisti, registi e scrittori ebrei, molti dei quali profughi dalla Germania, poterono liberamente lavorare nell’Italia fascista senza alcuna preclusione. (se c'erano alcuni ignoranti e beceri scalmanati, questo non significa che l'insofferenza agli ebrei lo erano tutti gli italiani.
Il becero razzismo oggi lo troviamo anche dentro uno stadio del calcio per la scemenza di uno, due, tre cretini; e allora cosa diciamo? che tutti gli amanti del calcio sono tutti razzisti per colpa di uno squilibrato?

La DELASEM (Delegazione per l'Assistenza degli Emigranti Ebrei), era una società di assistenza per i profughi ebrei che era stata creata dall'Unione delle comunità israelitiche in Italia il 1º dicembre 1939 (!!) con l'assenso del regime. Durante tutto il primo periodo bellico fino all'8 settembre del 1943 la DELASEM poté svolgere legalmente un'opera fondamentale nell'assistenza dei profughi ebrei, rendendo meno dure le condizioni di vita e favorendo l'emigrazione di migliaia di ebrei all'estero sottraendoli di fatto alle deportazioni.

Le deportazioni degli ebrei cominciarono solo dopo la caduta di Mussolini, quando i tedeschi occuparono l’Italia e Roma e si avvalsero delle Leggi Razziali, che il Re aveva lui firmato - e anche dopo l'arresto di Mussolini e lo scioglimento del fascismo - non le aveva affatto abolite; neppure prima della sua fuga a Brindisi e peggio ancora, neppure dopo.


OGGI solo perché esiste qualche cane sciolto pazzoide, non è che si deve affibbiare rozzamente la nomina di "fascista", "razzista", "antisemita" a metà del popolo italiano e solo perché questo vota o vorrebbe votare a destra. Se un marito pazzo ammazza la moglie, non possiamo andare in giro a dire e a terrorizzare che tutti gli uomini sposati sono assassini delle proprie mogli. Questo sarebbe solo un malvagio e maniacale istigazione all’odio gratuito verso chi invece vive serenamente la sua vita matrimoniale.

Inoltre le due accuse "razzista" e "antisemita" - non sono nate in Italia. Senza andare nell'alveo antiebraico della cristianità che considerava gli ebrei "deicidi" e li "malediceva" a fine messa fino al 1965, nel non lontano Ottocento c'era già il razzismo negli Usa su quasi 2 milioni di ebrei; c'era già l'antisemitismo in Francia nei confronti di ca. 500.000 ebrei. E c'era in Russia quando ci fu l'avvento di Stalin con i suoi pogrom e le sue deportazione di 2 milioni di ebrei in Polonia.
Oggi il diritto di espressione é negato ed é pari a quello dei regimi dittatoriali come quello di sovietica memoria.

Poi parlano a vanvera di ""squadrismo"", ma dove le vedono queste "squadre" punitive? solo dentro nello "scomodo" e a loro "fastidioso" 50% degli elettori di DX? Ma è possibile che 17 milioni di italiani facciano dello "squadrismo fascista"?
E perchè non lo hanno chiamato così quando nel '94 Berlusconi fece la sua destra con Fini e la Mussolini? E neppure l'hanno chiamato "fascista di destra" quando al Nazareno, fatto il patto scese dalla scala del PC a braccetto di Renzi

Invece io vedo altri "squadristi" simpatizzanti di sinistra con cartelli con Salvini appeso alla forca; c'é poi quello che incita "bisogna bastonarlo sui denti"; quell'altra che dice "occorre un giustiziere", o quello di Napoli che fa una statuina con Salvini che "spara ai neri". Questo cosa sono? forse delle dimostrazione di simpatia?
Tutte queste calunnie sono solo istigazione all’odio. Se questo autore di statuine rappresentasse una Segrè mentre la fanno entrare in un forno crematorio, apriti cielo, orrore, e chissà cosa direbbero i suoi "falsi tutori" ormai sempre più votati all'Islam, non certo alla difesa degli ebrei!! Visto che tifano per Gaza e i Paesi limitrofi islamici. Papa compreso!

IL RAZZISMO - Io vivo in un paese dove la percentuale degli stranieri in tante varie attività é la più alta d''Italia, il 19%, ma non ho mai visto delle intolleranze in giro, nè squadre punitive. Anzi sono graditi perché ottimi lavoratori nell'edilizia, nell'agricoltura, negli alberghi, nei bar, nei negozi di ogni genere. Nella mia vicina Arzignano (industria delle pelli) oggi metà degli imprenditori e le loro maestranze sono stranieri.
I miei nipoti a scuola hanno tante amicizie con coetanei di tutte le nazionalità e li invitano e si divertono alle proprie feste. Io stesso ho un medico di base della ULSS che è africano, e ammiro la sua competenza, professionalità e le attenzioni che da lui ricevo.
Io stesso ho contribuito economicamente a far laureare un africano e a far nascere una scuola in Africa nel Madagascar.
Sono un razzista?

Io - "antisemitico" ? personalmente ho ricevuto molto da un noto ebreo (Morpurgo, suo padre deportato da Milano morì ad Auschwitz - lui ragazzino si salvò dalla deportazione perchè studiava nella vicina Svizzera). Diventato direttore generale di una grande multinazionale, mi assunse nella grande azienda, poi riconoscendomi competenze e serietà, mi ha poi promosso per 10 anni "Ispettore Incaricato Speciale" per tutte le città d'Italia.
Potrei essere io un antisemitico?

La Segrè per affermare che non si deve essere razzisti, dice anche Gesù era ebreo. Non è una novità ma perchè dirlo?
Allora questo vale anche per Hitler? L'uomo che aveva messo incinta la madre di suo padre era un ebreo. Si chiamava Frankenberger (DNA conferma) che avevano in casa - lui e il figlio 20enne - come domestica la donna "tutto fare!".

io "squadrista"? Si lo sono stato!! Ma per la sicurezza degli Italiani!!. Sono uscito dalla Scuola Carabinieri Sabotatori Paracadutisti di Viterbo. Mi sono fatto 4 anni di "antiterrorismo" in Alto Adige non di certo a fare il turista!!! In una sola notte ci furono 300 attentati e poi in altre, su centrali elettriche, tralicci, ferrovie, caserme di carabinieri - con chiare minacce....(< vedi) ed essendo io artificiere disinnescavo decine di cariche di dinamite inesplose. Mio Istruttore era stato Oreste Leonardi >>>> . Proprio lui mi propose nel '63 di entrare nella scorta di Aldo Moro. Quella uccisa in Via Fani lui compreso. Se accettavo la sua proposta non sarei adesso qui a scrivere.
Altro che "pesciolino" nelle piazze che sorridendo canta "Bella Ciao", poi a casa trova la pappa pronta!! Vorrei vedere se si trovassero a combattere un Klotz, "il bombarolo della val Passiria" se cantano e sorridono ancora. Io pur essendo temprato a fare il rocciatore e i lanci da 5000 metri... io avevo paura.

Oggi guardando questa folla vociante che solo nell'apparenza sembra impavida, vedo che non esiste più nè un popolo di italiani uniti e sicuri, né tantomeno politici italiani coerenti. Quelli che dovrebbero essere i custodi delle nostre libertà, cultura, tradizioni, religione. A SX come a DX.

Dice Santori: "«Non ci interessa dialogare con Salvini» un incontro con Salvini? Mai!" - Ma questa non é un'apertura mentale per costruire una serena unità. Questo è solo infantile egocentrismo, che non solo allontana i nemici ma anche gli "amici". Lo abbiamo visto nella DC con il dopo Moro; con Craxi (ricordiamoci cosa diceva Cossiga >>>>), poi con Berlusconi e per ultimo Renzi che cambia "amici" ogni fase lunare. ("se perdo vado a casa" - ma nemmeno per sogno).

Niente dialoghi? Come Hitler, Mussolini, Stalin? (e ci metterei anche quel PIO XII ricordato sopra). Oggi perfino Trump si incontra con il fastidioso capo Cinese, s'incontra con l'odiato capo coreano, con gli inglesi. Per una serena unità.

Questa serena unità la voleva fare perfino Togliatti nel '36......(quando incitava i suoi "compagni" a unirsi ai fascisti),
(
"I comunisti devono far proprio il programma fascista di San Sepolcro del 1919". (qui le sue circolari >>>> )
e voleva Togliatti farla ancora questa unità con De GASPERI nel '53 (ricordata sopra). E perfino Berlinguer con MORO!!
Queste erano aperture mentali!! di veri politici, che rischiavano nelle piazze, nei vari congressi dei loro partiti disuniti in correnti, e anche nelle varie sedi oltreatlantico. Purtroppo abbiamo poi visto la fine di questi "mediatori di pace"!

Ritornando alle deportazioni degli ebrei, gli italiani non le hanno mai fatte. Solo Kappler - e senza i fascisti "traditori" - agì nel Ghetto di Roma il 19 ottobre del '43, quando il fascismo non esisteva più già da 4 mesi. Mentre a Milano (oltre i nazisti) erano antisemiti solo i "compagni" di "Stalin, quello che nei lagher polacchi (Auschwitz compresa) ne aveva di ebrei già deportati 2 milioni.

 

Oggi invece i "compagni" si schierano con la (utile) anziana ebrea Segrè che ingenuamente non si è accorta di essere stata solo strumentalizzata da certi politici che oggi così facendo forse vanno verso la loro totale autodistruzione.

Sembra questa Segrè solo un'operazione politica funzionale agli interessi mediatico-socio-culturali della sinistra.
La tragedia della Shoha é forse al centro di un'operazione finalizzata solo per trarne un beneficio elettorale? Spero di no, perché la "sacralità" dell'immane tragedia storica che ha vissuto non meriterebbe questa strumentalizzazione
.


Sacralizzare un'anziana signora, va bene, ha diritto ad ogni rispetto per la sua storia, basta che non la si faccia entrare a gamba tesa in un agone politico e la si strumentalizza. Anche perché delle sofferenze della Segré gli italiani non hanno alcuna colpa. Lei indica sempre i nazisti come i geni del male, ma stranamente lei che é uscita viva proprio da Auschwitz in Polonia, non accenna minimamente - mai - che proprio ad Auschwitz in Polonia i comunisti di Stalin vi deportarono 2 milioni di Ebrei. Perché non accenna mai e poi mai anche questi suoi fratelli? non gli erano accanto nelle baracche questi - come lei - ebrei russi e polacchi? Invece parla solo di nazismo, mai mai di comunismo. Del resto sse solo si azzerdasse a parlarne non gli darebbero di sicuro la scorta. Vogliono solo salvaguardare le sue esternazioni antirazzistiche perché fanno comodo. Si mettono in piazza Fake Email che lei riceve, lei che non ha nemmeno un indirizzo nei social!

Purtroppo lei dice «Dopo quello che mi è capitato, non perdono anche se non ho odio coloro che mi hanno fatto del male".
Ma anch'io, sono uscito vivo da sotto le macerie della mia casa bombardata, ma non per questo vado in tutte le scuole per raccontare e a dire che non perdono gli americani che mi hanno fatto del male. Altrimenti rischio di far odiare gli americani. Né vado a ricordare che Gesù era nato ebreo. Serve forse per avere una maggiore considerazione nell'ambito religioso per un uso politico? O dobbiamo riscrivere i ns. Vangeli? I veri cristiani non hanno perdonato il "deicidio".

Nessuno ce l’ha con la Segré, e ci mancherebbe: ma che sia vietato dire che la sua sofferenza viene strumentalizzata per opportunismo politico per poi imporre le stesse "sopraffazioni" dalle quali lei si è salvata, è dura da mandar giù; vedere la sua storia imbastardita nell’ipocrisia e nel becero calcolo politico di alcuni, senza potere obiettare - altrimenti si è tacciati di razzismo - è molto fastidioso, per alcuni e anche per molti. Compreso chi qui sta scrivendo.

Ed anche le mozioni contro l'odio, rischiano di far nascere altri odi. Le chiamano lotta alle parole dell'odio, ma si legge chiaramente censura per certe idee di destra sgradite; l'ombra del bavaglio si affaccia sempre quando si vuole recintare con il filo spinato la libertà di parola e obbligare tutti al pensiero unico.
O si vuole forse tornare in Italia alla "macelleria" - alcuni allora senza alcun pudore la descrissero"di eccezionale bellezza" - di Piazzale Loreto? Queste "scorie" di quel tempo non fecero onore alla Resistenza ("hanno disonorato la Resistenza" è il "barricadero" Pertini a scriverlo!!) E lo stesso Parri scrisse "Fu esibizionismo di alcuni, i veri partigiani erano un centinaio di migliaia, ora si contano a milioni… speriamo che queste "scorie" si eliminino da sole".

Dunque del razzismo di Stalin non si parla, anzi guai se ne parla uno di destra, lui é un "razzista" nei confronti del tanto amato "baffone" il capo comunista, pluri-antisemitico, pluri anti-capitalista, pluri anti-civilissime libertà. Eppure erano stati gli ebrei a far sorgere la rivoluzione nel '17 con Marx sottobraccio (anche se lui era piuttosto scettico con gli ebrei stessi) e con accanto i capipopolo Lenin e l'ebreo Trockij. A Mosca alla morte di Lenin metà governo era ebraico. La russia contava allora 5.500.000 ebrei. Ma quando poi questi ebrei con il loro agire pratico stavano trasformando il "chiuso ex impero zarista" in una potenza mondiale ovviamente iniziarono a comandare loro. E solo per questo si incrementò l'antisemitismo quando ci fu l'ascesa di Stalin - che aveva le stesse mire egemoniche. Al Cremlino cominciarono prima a estrometterli, poi le perseguitarono, ed infine 2 milioni di loro furono deportati mandati a morire nei lagher polacchi.


Ieri (anni '40 e '50) come oggi, questa parte ideologica autoritaria tutta staliniana, che furono un esempio da seguire nella sinistra italiana, questi debiti morali sono stati sempre nascosti sotto il tappeto. Oggi sono perfino diventati dei filopalestinesi; boicottano prodotti Ebrei ed hanno perfino insultato le brigate ebraiche (pure queste erano partigiane) alla festa partigiana della liberazione del 25 Aprile. Pur dando spazio - paradossalmente - a quel " razzismo antiebraico" che la Segrè - vedendolo ancora in giro voleva - per le sue ovvie ragioni - sottolineare.
Ma poi Lei - la Segrè - appena son venuti fuori le gioiose "sardine" che ora fanno molta più notizia sui giornali e in TV, l'hanno subito messa da parte. Lei già non fa più notizia in TV e sui giornali. Ci sono adesso solo delle attenzioni per i pesciolini. Che fanno con il loro giovanili anni solo tenerezza. Io a 20 anni era già da 7 anni a lavorare per guadagnarmi il pane !! E a 21 ero già a fare antiterrorismo!! La successiva generazione - nel '68- già ben nutrita e vestita, scese nelle piazze baldanzosa, ma non si sa ancora se era di matrice marxista o psicanalitica. Gridavano pure loro "siamo contro fascismo, il capitalismo.... la borghesia" (pur essendo alcuni figli di papà). "niente dialogo", "via il governo", "fischia il vento", "il potere siamo noi!", "dobbiamo levare la voce alta", "ragazzi! facciamo paura! Capite? LORO hanno paura di noi!!".
(
imiti del '68 in diretta..... dalla piazza > > > >

LORO non ebbero paura!! I politici non vanno in piazza !!! gli squali fanno politica solo nelle segrete stanze di partito.

 

MA A PROPOSITO DI PIAZZA
Sempre il Santoro, dice: "Salvini riempie solo stanze, bar e palazzetti dello sport quando va bene.
Noi invece riempiamo le piazze, e siamo ancora nella fase iniziale".

Certo una guida politica ci voleva!!! Ma siamo sicuri che comanda lui??
Le piazze piene non sono una buona prospettiva perché io ho questi ricordi di.... 80 anni fa,
non proprio ecclatanti, né da imitare visto poi come sono andati a finire
.


Ricordiamoci che Hitler, che nel '32 era nessuno, fu messo al potere da una minoranza (ma potente, il grande Capitale) questi oscuri potenti furono loro a decidere la salita al Governo di Hitler. Hitler fu solo uno strumento per volgarizzare con la demagogia e l'oratoria messianica i desideri latenti di ogni tedesco. Senza le èlite Hitler non sarebbe mai diventato Fuhrer.
Il suo "vangelo" era da dieci anni che si stava coprendo di polvere e nel '32 Hitler era ormai finito. Lui pur andando nelle piazze che anche se erano vuote lui sbarcando nelle stesse sempre con i suoi strepitanti chiassosi seguaci per fare numero, per impressionare e per poi andare sui giornali) nonostante questo falso populismo scenografico a fine 1932, lui Hitler, era già finito.

Ma nel frattempo.....
I grandi banchieri, i proprietari terrieri, i grandi industriali, della Germania Gugliemina (che vanno a formare la Reichsverband), con ca. 700 cartelli che si dividono in Germania il governo bancario, dell'industria e del commercio. Ed era una categoria questa che Hitler aveva sempre odiato, da sempre)
Questa "Associazione Industraile" da qualche anno ha inziato a boiocottare quella élite ebraica che dal '18 e con la Repubblica di Weimar, in ogni settore, bancario e industriale era diventata sempre più potente, addirittura con l'aiuto dei banchieri negli USA.
La borghesia ebrea - dicevano i tedeschi - si era arricchita durante la Repubblica di Weimar a spese dei tedeschi.
.
A inizio anni '30 vogliono questi della Reichsverband
riprendere il volano dell'economia germanica vogliono ritornare loro al potere
ma sanno che come persone votanti sono pochi, hanno bisogno di un nuovo partito, di un nuovo capo politico, un uomo che riesca a trascinare il popolo, magari con la demagogia e il populismo. E l'uomo del popolo c'era. Era Hitler.
Volendo far rinascere la nazione anche il popolo tutto era sceso nelle piazze a sentire Hitler per far risorgere la Germania.

E fu per questa per loro pericolosa rinascista della Germania co le Elite appoggiate dalle masse che gli ebrei di tutto il mondo il 24 marzo 1933 dichiararono guerra alla Germania e auspicavano un vero e proprio piano di sterminio e la distruzione dell'intera Germania. (altri incitamenti li troverete in altre pagine )


All'Elite germanica bastò chiamare Hitler e costui si sarebbe impadronito dell'entusiasmo delle masse e con l'appoggio di queste l'Elite avrebbe combattuto la sua guerra commerciale e sarebbe ritornata al potere come ai primi anni del '900 quando era già una potenza commerciale da preoccupare l'Inghilterra e anche gli Stati Uniiti.

In questo inizio '33 offrono a Hitler su un piatto d'argento il Reichstag. E quando Hitler sale le scale per entrarci trovò tutta la politica economica già pronta, già pianificata, con una struttura economica altamente organizzata, già razionalizzata; perfino il controllo dei cambi con l'estero. Una pianificazione e direzione, fatta con le migliori teste del mondo bancario, finanziario e industriale tedesche.
E senza questo coordinamento già pronto e in atto da mesi e anche anni, Hitler non era certo l'uomo da poter modificare l'economia tedesca nell'arco di pochi mesi. Cioè quando poi lui diventa Führer e cancelliere del Reich

Hitler aveva la 5 elementare e non era nemmeno capace di far da conto e quindi far quadrare i conti del suo giornaletto che nel dicembre del '32 era sull'orlo del fallimento.
Ma il compito che gli avevano affidato di diventare un capopopolo e metterlo in condizione di seguirlo, lui ne fulusingato e lo assolvette benissimo, con i suoi discorsi nelle piazze (dove ripeteva certi frasi barricadere decine e decine di volte per strappare l'applauso) mise il popolo nelle condizioni di seguirlo.
((("il popolo lo segue ma non perché è di indole reggicoda, ma perchè il "germanico" ammira e segue un capo che dimostra quel coraggio perfino insolente nell'interpretare i sentimenti nazionalistici" (lo scriveva già Tacito).

E i sentimenti nazionalistici dopo la batosta umiliante ricevuta nella guerra e la miseria che ne era seguita per il popolo tedesco c'erano tutti. Si aspettavano una rivalsa, cioè una vendetta. E Hitler che covava da tempo questa vendetta (lui che l'aveva con entusiamo combattuta quella sciagurata guerra) appoggiato sempre di più dal popolo, con sempre più oceaniche manifestazioni delle masse, convinto di essere "l'uomo del riscatto" appena si sentì fortemente appoggiato dalla Elite e dalle masse si sentì quasi invincibile, e questa tendenza a giocare sempre il tutto per tutto si era ormai radicata profondamente nel suoi modo di fare, una convinzione che non l'avrebbe mai più lasciato.
Di conseguenza - pochio mesi dopo - fu poi lui a imporre agli industriali (quasi con una pistola alla tempia)
la produzioni di armi per fare una guerra, e se l'aveessero ostacolato , se necessario avrebbe fatta la guerra a tutta Europa.


I suoi raduni nelle piazze, erano proprio "populisti", che più "populisti" di così non si potevano fare.
Potevano stare a casa, no! erano tutti lì a battere le mani.
I tedeschi erano diventati tutti NAZISTI
(se non di fatto di nome)


A seguirlo, fu poi Mussolini, anche lui con l'aiuto della Elite Italiana
con "I MIEI 2000 FERVIDI ASSERTORI DELLA NAZIONE OPERANTE >>>> QUI >>>

Con questa Elite come fa Hitler, fa anche lui i grandi assembramenti delle masse vocianti in tutte le piazze d'Italia.
E anche queste potevano starsena a casa,
no! erano tutti lì a battere le mani.
Gli Italiani erano diventati tutti FASCISTI (se non di fatto di nome)

 

FATE OGGI CERTI PARALLELI E ANALIZZATE I FATTI
LE PIAZZE SONO SEMPRE STATE UNA BRUTTA COSA !!

 

HO FINITO !


Fra altri 80 anni (se ci sarà ancora l'uomo scampato alla sua autodistruzione),
negli ipotetici futuri libri di Storia
questo nostro secolo impregnato di tanto egocentrismo e incoscienza degli uomini,
che si scambiano reciproci odi e rancori e che.... non si parlano
e hanno anche nei loro arsenali le più diffuse armi nucleari
che possiedono e altri vorrebbero possedere per annientarsi a vicenda....

.... forse la nostra Storia verrà inserita nel "Capitolo Preistoria del Genere Umano".


ITALIA, EUROPA, MONDO, AUGURI !!

IL FUTURO E' VOSTRO

io fra non molto vi vedrò solo dall'aldilà

------------------------------------------------------

Una precisazione dovuta a coloro che superficialmente criticano le mie pagine, rimproverando certe mie prese di posizione.

1) Io non sono mai stato fascista, tantomeno nazista, anche perché la sciagurata guerra l'ho vissuta nell'adolescenza in prima persona a Chieti dove ci fu l'inferno >>>>>>>>

2) Non sono stato mai antiamericano anche se sono uscito vivo dalle macerie della casa bombardata e vivo da una mitragliata di un caccia americano.

3) Mai stato antipartigiano, perché a mio padre gli diedero ad Honorem il distintivo dell'ANPI.

4) Non sono mai stato anticomunista, perché votavo e ammiravo Berlinguer e Adriano Olivetti, ma la sinistra si poi è allontanata da quello che doveva essere il "Socialismo Sociale".

5) Non sono mai stato antisemitico, anzi devo molto a un ebreo. Il Dr. Morpurgo direttore generale della multinazionale Hernkel, mi assunse come venditore di una Regione, poi mi promosse "Ispettore Incaricato Speciale" per tutto il Territorio Italiano, dove in 10 anni sono poi stato in tutte le città d'Italia.

6) Non sono mai stato "razzista", anzi aiutato economicamente un assiduo volenteroso "vu cumprà" che veniva spesso a casa mia, qualche volta invitato anche a pranzo, fino a farlo laureare.("lei ha buon cuore, quando mi offre un whisky non mi da' quello dozzinale che vedo nel suo bar, ma mi offre il costoso Chivas").

7) Ed anche economicamente con un Nunzio Apostolico del Vaticano, ho contribuito e fatto sorgere una scuola in Africa in Madagascar.

8) Inoltre sono stato anche attivo in un periodo nero per l'Italia: Il terrorismo. Sono uscito dalla Scuola Carabinieri Sabotatori Paracadutisti di Viterbo. Mi sono fatto 4 anni di "antiterrorismo" in Alto Adige e non il "Turista" !! In una sola notte ci furono 300 attentati e poi altri, su centrali elettriche, tralicci, ferrovie, caserme di carabinieri - con chiare minacce. Essendo esperto artificiere disinnescavo le cariche di dinamite inesplose. Mio Istruttore era stato Oreste Leonardi >>>> . Lui mi propose nel '63 di entrare nella scorta di Aldo Moro. I 5 uccisi in Via Fani, lui compreso. Se accettavo la sua proposta non sarei adesso qui a scrivere.

     
    >  HOME PAGE STORIOLOGIA  < 
UN SITO STORICO CON OLTRE 2,2 MILIARDI DI VISITE